Fotovoltaico pericoloso per gli uccelli, lo rivela uno studio americano

I RISCHI PER UCCELLI E INSETTI

Il ricorso a fonti rinnovabili non corrisponde con lo sfruttamento di risorse energetiche al 100% prive di impatto ambientale: al contrario, anche la fonte più pulita, ad oggi, comporta un impronta ambientale, sia essa in modo diretto o indiretto.

Tra i fattori a sfavore del fotovoltaico, ad esempio, sembra emergere un elemento che finora era stato sottovalutato: gli impianti possono provocare la morte di insetti e uccelli, i quali non sono minacciati soltanto dalle pale eoliche, ma anche dalla rifrazione delle vaste distese di pannelli.

A portare alla luce il rischio per le specie animali è stato uno studio condotto dal National Fish and Wildlife Forensics Laboratory, in California, dove i grandi impianti di fotovoltaico termico sono molto diffusi e in via di aumento, soprattutto nel deserto del Sud.

Lo staff del centro di ricerca ha ritrovato i corpi di 233 uccelli appartenenti a 71 specie diverse nei pressi di tre grandi impianti di fotovoltaico termico: Ivanpah, Genesis e Dester Sunlight. I reperti sono stati raccolti nel corso di due anni: l'incidenza è tale da lasciar presupporre l'influenza di qualche fattore esterno, che è stata confermata dalle modalità che hanno causato la morte.

Lo stato dei corpi degli animali rinvenuti dimostra che gli uccelli sono stati letteralmente bruciati mentre erano ancora in volo. Il fenomeno avviene a causa della rifrazione dei raggi solari da parte dei pannelli, tali da bruciare gli uccelli che sorvolano l'area e che non fanno in tempo a percorrerla per intero per sottrarsi al suo effetto mortale.

Nel caso del terzo impianto, Desert Sunlight, la morte degli uccelli avviene per altre ragioni, ugualmente pericolose: gli uccelli, in volo per lunghe tratte lungo il periodo della migrazione, vengono attratti da quella che sembra una calma superficie d'acqua, come un lago, e scendono su di essa per posarvisi, incontrando invece, a gran velocità, i duri pannelli solari.

Non meno importante, per la tutela della biodiversità, è ciò che tali impianti provocano agli insetti: essi vengono attratti dalla luminosità delle superfici, fino ad avvicinarsi ad un punto tale da non riuscire più a sottrarsi alle elevate temperature che caratterizzano l'impianto, venendo bruciati.

La lista dei pericoli che ogni anno decimano le fila degli stormi migranti è dunque sempre più ricca di cause umane: dall'urbanizzazione ai cambiamenti climatici legati alle emissioni inquinanti, dalle pale eoliche al crescente numero di gatti nelle comunità urbane, all'elenco va ora aggiunta la produzione di energia solare, almeno fino a quando non si troverà un modo per renderla più sostenibile anche da questo punto di vista.

Parco fotovoltaico Ivanpah in California

(Parco fotovoltaico Ivanpah in California)

PROBLEMI ANCHE PER I PILOTI D'AEREO

I rischi, inoltre, non si limitano ad interessare gli uccelli: secondo un altro studio realizzato presso il Sandia National Laboratories ha messo in luce come i grandi impianti fotovoltaici possano rivelarsi un pericolo anche per i piloti di aerei.

Il report si intitola "Evaluation of Glare at the Ivanpah Solar Electric Generating System" e prende in considerazione i rischi legati all'effetto abbagliante provocato dai pannelli dell'impianto Ivanpah, lo stesso messo in discussione in rapporto alla salute di uccelli e insetti.

Secondo quanto riportato nel testo, i pannelli dei grandi impianti solari sono in grado di creare fenomeni di abbagliamento fino a sei miglia di distanza, rendendo i piloti di aerei direttamente coinvolti nel rischio. Lo studio, del resto, dà valore ufficiale a lamentele che già erano state mosse da diversi piloti che sorvolano regolarmente l'area, i quali avevano sottolineato come i riflessi e i bagliori provocati dall'impianto rendano difficile l'individuazione di altri veicoli presenti nei cieli: in questo modo, aumenta il rischio di entrare in rotta di collisione e di originare incidenti aerei.

Il problema risulterebbe tanto più serio quanto è maggiore la dimensione degli impianti: limitare i riflessi e i bagliori, garantendo la sicurezza per gli esseri umani e non, è un fattore di grande importanza per lo sviluppo della tecnologia fotovoltaica e la realizzazione di futuri impianti.

AutoreDott.ssa Martina Pugno


Visualizza l'elenco dei principali articoli