Belectric - Daw: partnership tedesca per lo sviluppo del fotovoltaico integrato nell'edilizia

L'azienda tedesca Belectric ha siglato una partnership con Daw (Deutsche Amphibolin - Werke) per la ricerca nel campo dei materiali edili allo scopo di sviluppare nuove soluzioni per il fotovoltaico integrato nell'edilizia. Tra gli obiettivi primari della sinergia vi è l'esplorazione di nuove frontiere per il fotovoltaico organico, che in questo modo potrà diventare un elemento sempre meno visibile, ma sempre più integrato all'interno dei paesaggi urbani.

Al momento, la maggior parte dell'energia elettrica prodotta a partire dal sole proviene da pannelli installati sui tetti: con la possibilità di sfruttare tutte le superfici degli edifici esposte al sole, però, lo scenario potrebbe cambiare completamente. Un numero maggiore di superfici permetterebbe lo sviluppo esponenziale della produzione energetica fotovoltaica, senza problemi di integrazione con l'architettura e senza interferire con il design paesaggistico ed urbano.

La tecnologia fotovoltaica, in parte, ha già intrapreso tale direzione, con un numero crescente di aziende impegnate nella produzione di tegole fotovoltaiche, ma anche piastrelle e soprattutto vetrate, in grado di produrre energia senza essere riconoscibili da qualsiasi altro elemento strutturale o di puro decoro dell'abitazione. L'obiettivo, ora, è quello di sviluppare soluzioni sempre più efficienti e, allo stesso tempo, che possano offrire costi contenuti e competitivi con i tradizionali modelli di sviluppo edilizio ed energetico sostenibile. Tutto questo senza intaccare l'aspetto estetico e paesaggistico. 

Per fare questo, la sfida è totalmente aperta e si gioca in particolar modo sul campo dei materiali: è attraverso l'innovazione tecnologica che il fotovoltaico organico può raggiungere maggiori livelli di efficienza, arrivando ad essere competitivo con i tradizionali pannelli ed offrendo, rispetto ad essi, molti più vantaggi legati alla versatilità di materiali in grado di assumere le più svariate forme. Il fotovoltaico organico, inoltre, utilizzato per realizzare parti strutturali degli edifici, potrebbe consentire una maggiore produzione energetica proprio grazie alla maggiore superficie esposta al sole.

I vantaggi della partnership per la ricerca e l'innovazione sono anche per i costruttori, che possono beneficiare di materiali edili innovativi, efficienti ed economici, con un orizzonte più ampio e in grado di offrire efficienza energetica non solo dal punto di vista dell'isolamento dell'edificio, ma anche della produzione di energia, in modo sempre più diffuso ed integrato. La collaborazione siglata da Belectric e dalla Deutsche Amphibolin - Werke si colloca sulla scia di un percorso intrapreso da Belectric già alcuni anni fa, con i progetti "Solarte" e "Power Plastic", entrambi incentrati sullo sviluppo di forme innovative di produzione di energia solare.

AutoreDott.ssa Martina Pugno


Visualizza l'elenco dei principali articoli