Una Pila a basso consumo che si attiva con l'acqua. Si chiama Acquacell

A chi non è capitato di trovarsi improvvisamente con il telecomando o una sveglia non funzionante o con qualsiasi altro apparecchio che non si accende a causa delle batterie scariche? Una soluzione spesso è impossibile. I negozi potrebbero essere chiusi o noi potremmo essere  sprovvisti di un comune caricabatterie. Cosa fare in queste occasioni? Una soluzione viene dall'azienda olandese AcquaCell . Rappresenta sia una valida alternativa alla comune batteria alcalina, sia un'efficace mezzo per salvaguardare l'ambiente.



Batterie Aquacell



Inventata da Niels Bakker, scienziato olandese, con la collaborazione di O. Chauffat, L.Arnoux e P. Horowitz, e presentata a Ginevra, AquaCell è la prima batteria a far uso dell'acqua per ricaricarsi. Quando vengono rilasciate dalla fabbrica di produzione, le pile non sono cariche e per questa ragione non hanno date di scadenza. Ciò le distingue dalle alcaline, la cui vita presunta è di circa otto anni dal momento della loro uscita. Per utilizzare queste straordinarie pile è necessario immergerle per pochi minuti nella normale acqua. Sono disponibili nei formati AA e AAA e si adattano alla maggior parte dei dispositivi (orologi, radio, telecomandi, ecc.).



Aquacell Battery si ricaricano con l'acqua



L'attenzione rivolta all'ambiente è presente fin dalla loro produzione, che avviene in fabbriche dove gli impianti sono progettati per operare in modo da avere meno rifiuti possibili. Il processo produttivo avviene in ambienti di lavoro sani e puliti.

Le differenze rispetto alle pile tradizioni sono tante e importanti da un punto di vista ecologico ed economico.
Mentre le normali alcaline usano un involucro in acciaio o zinco e sono ottenute con materiali pesanti e pericolosi come l'idrossido di potassio, la AquaCell Battery si avvale di plastica riciclata per il rivestimento e di  polveri organiche non inquinanti all'interno. Le materie impiegate, quindi, provengono da fonti sostenibili. Questo fa sì che oltre ad avere un minore impatto ambientale, si  evita lo sfruttamento delle miniere, scongiurando il depauperamento della terra e delle sue preziose risorse.



AquaCell, batterie dentro una cassa di acqua



Il bastone di carbonio, presente dentro la pila, raccoglie la corrente nella batteria e la trasporta al cappuccio  "positivo" posto in cima, il quale a sua volta distribuisce l'energia ai prodotti con i quali è collegato. Le polveri attive della batteria sono sostanze naturali. Alcune si ritrovano addirittura nel corpo umano! 
Il rivestimento serve ad impedire che si disperdano nell'ambiente, pur consentendo all'acqua di attivare la pila. L'involucro brevettato di zinco è di qualità superiore e funge da anodo. La riduzione dello zinco , presente in eccesso nelle alcaline, fa diminuire il peso, i costi e gli effetto sull' habitat.



schema della batteria



Un foglio separatore, specificatamente formulato e costruito, impedisce il contatto tra l'anodo e le polveri attive. Quando si aggiunge l'acqua alla batteria, questo involucro diventa umido e permette il trasferimento di corrente tra anodo e catodo.  La forma ad anello combinato con un tappo a vite, offre una chiusura e una tenuta ermetica . Il meccanismo è a prova di perdite. 
Queste innovative batterie sono leggerissime e arrivano a pesare solo 12 grammi con la possibilità di un riciclo pari all'85%, contro i 24 g e un riciclo del 50% dell'alcalina. Ideali per uso quotidiano, hanno lo svantaggio di essere meno potenti e di avere durata inferiore.



batterie AquaCell



L'azienda AquaCell si fa promotrice anche della raccolta delle pile usate, grazie alla collaborazione con  Peperzeel, uno dei suoi partners. Sono certificate da Batrec, che assicura l'alto grado di efficienza e riciclaggio. Tutto ruota intorno all'obiettivo di salvaguardare l'ambiente, rendendolo più pulito. La società  continua nella ricerca di soluzioni sempre nuove e di risorse e metodologie  all'avanguardia. Gli studi proseguono nelle strutture di R&S e con la cooperazione con alcune delle principali università del mondo.
Al momento si possono comprare online dal sito ufficiale o trovare nei negozi Svizzeri. 

AquaCell si annovera tra le batterie del futuro, amiche della natura, economiche e funzionali.

La tecnologia AquaCell:

 

 

Fonti:
AquaCell, Positive Energy
Grennme
Nextme
Datamanager

Foto: AquaCell

Tutti i diritti sono riservati

AutoreDott.ssa Silvia Pasquariello

Articolo letto 1.660 volte



Visualizza l'elenco dei principali articoli