Tiny House a Parigi: 8 mq a risparmio energetico

Dalla grandezza di soli 8 metri quadrati, ma comunque abitabile e funzionale. Parliamo di una Tiny House realizzata a Parigi da Kitoko Studio. Un progetto che sembra ispirarsi al proverbio secondo cui nella botte piccola c'è il vino buono.  Lo spazio, apparentemente minuscolo, è stato convertito in un tetto accogliente. Tiny House è la moda sociale attraverso cui le persone stanno ridimensionando l'appartamento in cui vivono per garantire un'alternativa più verde e conveniente. Un movimento scelto tante volte sia per motivi ambientali che finanziari, che negli ultimi tempi sta prendendo sempre più forma sia negli Stati Uniti che in Europa. Il mini alloggio parigino sarà utilizzato dai figli del cliente che si è affidato alla professionalità di Kitoko Studio per l'importante conversione o anche per ospitare una ragazza alla pari. Quest'ultima, al momento, è l'ipotesi più accreditata.

Appartamento di 8 metri quadrati

(L'appartamento più piccolo di Parigi è un ambiente funzionale e abitabile)

Uno degli aspetti più importanti del progetto della "Tiny House" in Francia risiede soprattutto nel risparmio energetico un po' come il fondatore di "TreeHugger", Graham Hill, che è riuscito nel suo appartamento a realizzare otto spazi funzionali con letti a castello a scomparsa e una lavastoviglie che non richiede un dispendio notevole di corrente elettrica. "Molti alloggi a Parigi sono stati a lungo considerati spazi poco attraenti e appartati nei bellissimi edifici Haussmann – spiega l'architetto dello studio francese – Sempre situati a livello superiore, sotto il tetto di questi edifici, essi sono caratterizzati da aree di piccole dimensioni con spazi interni ed estetici rudimentali e da aree circolari in comune di difficile accesso. Una ‘non architettura' all'interno della bellissima architettura Haussmann". Questi alloggi, così come spiegano dalle stanze di Kitoko Studio, hanno conosciuto nel corso degli anni diversi usi, perdendo la loro funzione originaria e diventando soffitte e depositi. Da allora in poi l'aumento generale dei prezzi degli immobili ha generato, però, anche una nuova considerazione di questi metri quadrati dimenticati, considerandoli quali rinnovati appartamenti. Quella posizione sotto il tetto, finora poco attraente, è stata rivalutata e definita un bene di proprietà aggiuntiva che offre caratteristiche nuove come la vista sui tetti di Parigi e la possibilità di creare ambienti che combinano più alloggi.

Proprio per la mancanza di spazio nella casa attuale e in previsione dell'arrivo di una domestica, che non possono accogliere direttamente nel proprio appartamento, i clienti dello studio di architettura parigino hanno chiesto di organizzare una mini casa in 8 metri quadrati. Dalle prime stime si tratta dell'abitazione più piccola presente nella capitale francese. Nonostante le minuscole dimensioni, lo spazio doveva essere, a detta degli utenti, funzionale per dormire, cucinare, mangiare, lavare e garantire una certa indipendenza alla futura occupante.

A cosa si sono inspirati gli addetti del settore nel fornire questa valida risposta architettonica? Ebbene Kitoko Studio ha immaginato come modello un coltellino svizzero che, pur essendo piccolo, con un gioco di movimenti pieghevoli e scorrevoli, può contenere un gran numero di strumenti al suo interno. Ecco allora come fare in questa area di 8 metri quadrati. Mediante una serie di combinazioni sono stati inseriti un letto, un tavolo, un mobile, una scala, un angolo cottura e un bagno. Il tutto perfettamente integrato all'interno di un grande armadio che può essere poi aperto e chiuso in base alle esigenze e alla percezione dello spazio. Una volta che tutti gli elementi vengono piegati e conservati in questo mobile, che funge da super contenitore, metà della superficie della camera è libera. Il requisito di uno spazio unico ma multifunzionale è stato visto inizialmente come un vincolo abbastanza complesso per poi trasformarsi alla fine dell'opera come la vera forza e il valore aggiunto del progetto.

AutoreDott.ssa Tiziana Casciaro

Articolo letto 312 volte



Visualizza l'elenco dei principali articoli