StileBio, fiera dell eccellenza biologica

Cosa succede quando l'eccellenza agroalimentare biologica si incontra con un'organizzazione ben strutturata come la Fiera di Pesaro? Succede che nasce un appuntamento interessante e utile per tutti coloro che amano il biologico e vorrebbero saperne di più. Sabato 3 e domenica 4 maggio, dunque, dopo la prova fatta lo scorso settembre che ha ottenuto grandi risultati, il quartiere fieristico di Campanara ospiterà la prima edizione di StileBio, dove le aziende del Centro Italia che hanno puntato tutto sulla produzione biologica esporranno il frutto del loro lavoro mettendosi anche a disposizione per domande e curiosità. Stile Bio è una fiera mercato in cui i visitatori possono acquistare prodotti biologici certificati secondo i principi di un consumo etico e responsabile e del chilometro zero. Le parole d'ordine di Stile Bio sono genuinità dei prodotti, rispetto per l'ambiente e garanzie certificate.

Una mucca allatta un vitello in allevamento bio

E visti i numeri registrati dall'edizione zero, le premesse sono davvero incoraggianti: quasi 3.500 visitatori e 200 operatori accreditati fra ristoratori, albergatori, gestori di locali e via dicendo. Gli stand presenti erano 50, numero che sarà sicuramente superato nella prossima edizione. A organizzarlo sono Convention Bureau Terre Ducali, Ethos Promotion e Terre Rossini e Raffaello.

«Dopo il successo del 2013 abbiamo deciso di rilanciare l'appuntamento con StileBio per presentare le eccellenze agroalimentari del centro Italia, ma anche di altre realtà territoriali. Grazie ai numeri dell'edizione zero, infatti, siamo stati contattati da produttori provenienti da ogni parte d'Italia», ha raccontato Sandro Innocenti, responsabile di Ethos Promotion. «Contribuiamo, così, sia a creare e a sviluppare reti commerciali tra produttori biologici e operatori commerciali, sia ad avvicinare l'opinione pubblica al concetto di produzione agricola biologica, etica e consapevole». (Fonte: www.stilebio.com) 

 Ci saranno dunque non solo espositori, ma anche laboratori a tema, operatori di ecocosmesi, e verranno organizzati dei convegni con i responsabili delle Forze dell'Ordine e del ministero dell'Agricoltura scelti per insegnare ai consumatori a riconoscere le etichette bio e a distinguere i prodotti contraffatti da quelli biologici.

«I numeri dell'edizione zero confermano la mia idea: il nostro territorio può puntare fortemente, per la sua crescita economica, sul settore agroalimentare tenendo sempre al centro della produzione l'obiettivo della qualità – ha precisato Luca Pieri, presidente del Convention Bureau Terre Ducali – Ribadisco anche il fatto che, come Convention Bureau, riteniamo il quartiere fieristico di Campanara un contenitore importante per generare indotto economico a favore del territorio. Pesaro deve sfruttare al massimo una struttura come quella della Fiera grazie a una gestione continuativa e capace di organizzare eventi importanti».

AutoreStella Spinelli

Articolo letto 457 volte



Visualizza l'elenco dei principali articoli