Un'edera fotovoltaica per pareti soluzioni solari bio-mimetiche

Per la progettazione di pareti fotovoltaiche non necessariamente si deve avere bisogno di pannelli piatti posti in verticale, vetri o quant'altro.

SMIT (Sustainably Minded Interactive Technology), uno studio di progettazione, "offre soluzioni eco-efficienti, educative e prodotti per la vita moderna sostenibile".

Lo studio sta sperimentando nuove soluzioni cosiddette "bio-mimetiche", ovvero sistemi di produzione di energia verde che siano in grado di imitare la natura, nelle sue forme e processi.

Un esempio è Solar Ivy, una vera e propria parete fotovoltaica. Questo sistema si discosta dal tradizionale impianto fotovoltaico in staffe e pannelli di ingombranti dimensioni perché è formato da moduli di dimensioni ridotte, che possono essere istallati in verticale ad imitazione di forme naturali, come ad esempio le piante di edera.

Parete solare bio-mimetica Solar Ivy_SMIT

(Parete solare bio-mimetica Solar Ivy_SMIT)

Parete solare bio-mimetica Solar Ivy_SMIT

Solar Ivy è un sistema che si basa sulla combinazione di tanti piccoli pannelli dalla forma di foglia che vengono ancorati su di una maglia metallica in acciaio. La maglia ne regola sia la posizione e l'ancoraggio a parete sia la densità.

Le caratteristiche dei pannelli sono varie e stanno suscitando molto interesse. Questi hanno un sistema doppio per quanto riguarda la produzione dell'energia perché oltre a sfruttare l'energia solare hanno all'interno un dispositivo piezoelettrico.

Per quanto riguarda il primo sistema, Solar Ivy è stato progettato con la tecnologia fotovoltaica in fogli a film sottile, estremamente versatile, leggera e sottile. I fogli sono formati da un inchiostro conduttore che viene stampato su di un substrato di polietilene. Il substrato ed il foglio, infine, sono montati insieme sottoforma di una capsula dove all'interno sono stati inseriti i generatori piezoelettrici e l'esterno è composto da sottili lamine di EFTE. Il polietilene è completamente riciclabile, come le lamine che sono composte da una combinazione di materiali plastici molto resistenti, prodotti dalla DuPont.

La capsula, dunque, ha la funzione di essere il vero e proprio sistema fotovoltaico e la tecnica di stampaggio ad inchiostro permette a Solar Ivy di assumere diverse colorazioni.

Parete solare bio-mimetica Solar Ivy_SMIT

(Parete solare bio-mimetica Solar Ivy_SMIT)

Il secondo sistema di produzione dell'energia è dato dai generatori piezoelettrici che hanno la funzione di trasformare in energia il movimento meccanico delle stesse foglie. Queste hanno un certo gradi libertà quando vengono ancorate alla maglia metallica di sostegno e subiscono anche una certa oscillazione dovuta alla spinta del vento.

Il sistema Solar Ivy sfrutta quindi al dettaglio ogni ingresso energia, solare e meccanica, appunto, per la produzione di elettricità pulita.

L'aspetto complessivo di una parete rivestita da Solar Ivy è molto gradevole perché imita la natura in maniera quasi perfetta. La personalizzazione del sistema, oltre alle varie colorazioni e alla densità della maglia, può essere interpretata anche in base alla destinazione d'uso perché, essendo foglie aggregabili in modo indipendente, si disegnano delle vere animazioni che possono rendere uniche le pareti, che siano essere abitazioni o edifici commerciali.

AutoreDott.ssa Chiarina Tagliaferri

Articolo letto 1.256 volte



Visualizza l'elenco dei principali articoli