Solar Cloth: il telo fotovoltaico per tetti e parcheggi

Una telo solare ultraleggero per produrre energia nei siti poco adatti ai pannelli solari tradizionali. Si tratta di una tecnologia innovativa – ideale per tetti e parcheggi ad esempio - progettata dalla Solar Cloth Company, una start up di Cambridge che inizierà la sperimentazione dei nuovi teli solari in accordo con uno dei più grandi rivenditori del Regno Unito. La start up britannica ha messo a punto un materiale flessibile e leggero – il peso è quasi cinque volte inferiore rispetto ai pannelli tradizionali -, particolarmente adatto per coperture che non sono in condizione di sopportare ulteriore peso aggiuntivo come le pensiline dei parcheggi, i tetti delle abitazioni, gli stadi di calcio e i supermercati.

L'azienda di Cambridge ha finora stretto rapporti commerciali con alcuni dei principali rivenditori del Regno Unito e con quindici importanti enti locali di cui non sono stati ancora resi noti i nomi. Perry Carroll, fondatore della Solar Cloth Company, ha dichiarato in proposito che è ormai tutto pronto per l'installazione della nuova tecnologia su 27mila parcheggi per automobili. Da gennaio, il nuovo telo solare dovrebbe arrivare presso uno dei più grandi rivenditori del Regno Unito: secondo le prime stime, il valore delle vendite potrebbe raggiungere in tal caso i 4,2 milioni di sterline nel 2015, con grandi investimenti in particolare nel settore dei parcheggi per auto e in quello degli edifici commerciali.

La Solar Cloth Company, start up britannica con sede a Cambridge, ha realizzato un telo solare ultraleggero ideale per le pensiline dei parcheggi e i tetti delle abitazioni

(La Solar Cloth Company, start up britannica con sede a Cambridge, ha realizzato un telo solare ultraleggero ideale per le pensiline dei parcheggi e i tetti delle abitazioni)

Se gli 830 milioni di metri quadrati sui tetti degli edifici commerciali e i 350 milioni di metri quadrati di posti auto nel Regno Unito – stima la start up britannica - fossero coperti da pannelli solari, sarebbe possibile produrre il triplo dell'energia necessaria ad alimentare la rete nazionale. Per venire incontro in modo rapido alla grande richiesta del mercato, l'azienda con sede a Cambridge ha annunciato di essere alla ricerca di 750mila sterline di investimenti in crowdfunding. Il progetto presentato dalla Solar Cloth Company si muove nella direzione indicata dai ministeri britannici, che hanno lanciato un invito alle aziende del settore affinché lavorino per favorire la diffusione di impianti fotovoltaici nelle zone rurali sul tetto piuttosto che a terra.

"Uno dei principali ostacoli all'adozione dei panelli solari" – ha dichiarato Hans Haenlein, consulente della Solar Cloth Company – "è che essi difficilmente possono essere installati e integrati in modo funzionale ed esteticamente appropriato con l'architettura esistente. Il telo solare flessibile supera tutti questi problemi ed è in grado di aggiungere reale valore a siti esistenti o di futura costruzione".

La Solar Cloth Company è stata premiata quest'anno ai "Solar Uk Industry Awards" nella categoria "Building-Integrated Photovoltaic Solar Innovation of the Year", un riconoscimento riservato ai progetti che mirano a integrare le tecnologie del fotovoltaico con l'architettura e il design delle strutture destinate ad ospitarle.

AutoreDott. Andrea D'Ammando

Articolo letto 1.378 volte



Visualizza l'elenco dei principali articoli