I 12 requisiti da conoscere e AVERE per accedere al V Conto Energia

Arriviamo preparati al V conto energia: per accedere alle tariffe incentivanti sono necessari determinati requisiti di base e per questo è utile conoscerli per regolarizzare la nostra posizione. Analizziamo il seguente schema:

  • l'impianto fotovoltaico, i pannelli solari, l'inverter e tutti i componenti connessi devono essere classificati secondo le caratteristiche innovative e di integrazione architettonica. Ciò significa che l'impianto fotovoltaico deve essere realizzato con moduli non convenzionali e componenti speciali atti a integrarsi o a sostituire elementi architettonici. Non tutte le aziende, infatti, adeguano i propri prodotti alle specifiche richieste dal nuovo contratto;
  • i componenti sopra elencati devono essere di nuova costruzione e non precedentemente utilizzati su altri impianti solari e osservare le prestazioni tecniche e di rendimento descritte nella Guida CEI 82-25;
  • gli impianti fotovoltaici devono avere una potenza di almeno 1kW e non superiore ai 5 MW e essere collegati alla rete elettrica nazionale. In alcuni casi, è possibile che l'impianto sia collegato a una piccola rete elettrica isolata;
  • i pannelli fotovoltaici devono essere testati e valutati secondo la normativa UNI CEI EN ISO/IEC 17025 da aziende e laboratori accreditati da Organismi di accreditamento appartenenti all'EA, l'European Accreditation Agreement; 
  • i moduli fotovoltaici devono possedere la garanzia di prodotto che li copre per dieci anni da difetti di fabbricazione, differente dalla garanzia sulla durata del ciclo di vita, che ne indica e ne stima solo il rendimento;
  • l'azienda in cui acquistate il vostro impianto fotovoltaico deve aver aderito a un sistema e consorzio europeo e possedere un attestato o certificazione per la raccolta, riciclo e smaltimento dei pannelli solari a fine ciclo, in base alla nuova normativa.

Documenti, certificazioni e attestazioni richieste dal GSE all'azienda

L'azienda deve possedere, inoltre, determinate attestazioni e certificazioni che devono essere presentate preventivamente al GSE che ne verifica la validità:

  • attestazione del Made in EU che garantisce che l'impianto fotovoltaico, i suoi componenti e i gruppi di conversione sono stati prodotti in uno dei paesi facenti parte dell'Unione europea. Questo è un requisito importante per il riconoscimento di un premio aggiuntivo, il bonus prodotto europeo, applicato alla tariffa omnicomprensiva e sull'energia consumata in loco.
    La somma erogata segue il seguente schema: impianti entrati in esercizio entro il dicembre 2013 - 0,02 €/kWh, per scendere a 0,01 €/kWh per gli impianti fotovoltaici che entreranno in esercizio fino al dicembre 2014 e a 0,005 €/kWh in seguito a quest'ultima data;
  • la certificazione ISO 9001:2008, in base al Sistema di gestione della qualità;
  • la certificazione OHSAS 1800, in base al Sistema di gestione della salute e sicurezza del lavoro;
  • la certificazione ISO 14000 in base al Sistema di gestione ambientale;
  • il certificato di ispezione di fabbrica, il Factory Inspection Attestation, rilasciato da un organismo di certificazione accreditato che garantisce l'origine del prodotto in base al rispetto della qualità nei processi di fabbricazione dei pannelli, dei componenti e delle materie prime utilizzate.

Requisiti per chi sceglie un impianto fotovoltaico a concentrazione:

Chi decide di acquistare un impianto fotovoltaico a concentrazione necessita dei seguenti requisiti:

  • l'impianto fotovoltaico deve avere una potenza nominale non inferiore a 1 kW e non superiore a 5MW e il fattore di concentrazione deve essere pari a almeno 10 soli, in caso contrario le tariffe incentivanti vengono decurtate del 10%;
  • i moduli fotovoltaici devono essere certificati in base alla norma CEI EN 62108;
  • i componenti dell'impianto fotovoltaico devono essere di nuova costruzione;
  • i moduli fotovoltaici devono possedere la garanzia di prodotto che li copre da qualsiasi difetto di fabbricazione;
  • l'azienda produttrice deve possedere l'attestazione per la raccolta, riciclo e smaltimento dell'impianto a fine ciclo di vita e le certificazioni di cui si è parlato sopra.
Autore Maria Francesca Massa

Articolo letto 6.682 volte



Visualizza l'elenco dei principali articoli