Le cinque regole d'oro per ottimizzare il rendimento elettrico di un impianto fotovoltaico

Risparmiare sulla bolletta dell'energia elettrica è l'obiettivo di tutti gli utenti che contemplano l'idea di installare un impianto fotovoltaico. E' necessario, però, per non essere delusi da finte promesse di risparmio, sapere che, i consumi e i tempi di ammortizzamento del costo primario sono reali solo se il sistema installato funziona in modo ottimale, ovvero trasforma tutta l'energia solare disponibile, anche in situazioni di basso irraggiamento.

Per questo motivo è necessario considerare queste cinque semplici regole per conoscere il funzionamento del vostro impianto fotovoltaico e ottimizzarne il rendimento elettrico:

  1. primaria importanza assume l'intensità dell'irraggiamento solare, mutabile di zona in zona, di clima in clima e per questo la località di installazione è il parametro più importante da considerare. E' inutile sperare di ottenere dei rendimenti termici elevati in zone a basse temperature, pari a zone che presentano un elevato irraggiamento solare in quasi tutto l'arco dell'anno;
  2. l'inclinazione e l'orientamento dei pannelli fotovoltaici deve essere preventivamente studiato, in modo che siano esposti in zone poco ombreggiate, distanti da strutture che presentano dei condotti fumari e in posizioni tali da non creare l'ombra tra di loro con il variare della posizione del sole. Il rendimento ottimale del pannello fotovoltaico si ottiene quando lo stesso è installato verso Sud (Azimuth pannello) con inclinazione di 30-35°, in modo da essere il più perpendicolare possibile ai raggi solari e sfruttare al meglio le ore centrali della giornata in cui vi è un maggiore irraggiamento. Invece, la temperatura ottimale per ottenere un efficiente rendimento dei pannelli nella produzione di energia, si aggira intorno ai 25°C;                                                                                                      Schema dell'orientamento e inclinazione ottimale del pannello fotovoltaico

  (Schema dell'orientamento e inclinazione ottimale del pannello fotovoltaico - da Casasoleil.it)

  1. un terzo fattore da non sottovalutare è la temperatura media delle celle solari. Una temperatura ambiente molto alta, (è il caso di zone con temperature elevate nei mesi estivi), riduce il rendimento dei pannelli fotovoltaici. Tuttavia, per ridurre il surriscaldamento dei moduli, durante il montaggio è bastevole lasciare un piccolo spazio tra i pannelli e la zona di appoggio sottostante, permettendo all'aria di circolare e raffreddare le celle solari;
  2. per assicurarsi un buon rendimento nella produzione di acqua calda e nel riscaldamento della vostra casa, i pannelli solari, come qualsiasi altro macchinario, necessitano di manutenzione e pulizia ordinaria. Una pulizia e un controllo accurato dell'impianto aumentano le prestazioni di durevolezza dei pannelli e, in modo particolare del film protettivo, il quale è soggetto alla perdita progressiva di trasparenza durante l'esposizione continua ai raggi Uv;
  3. in situazioni di irraggiamento normale, i pannelli solari hanno una durata media di circa 20 anni. Con il Nuovo Conto Energia, in cui un impianto fotovoltaico viene incentivato in base alla produzione di energia elettrica, potrete produrre e vendere l'energia non consumata. E' consigliabile conoscere, prima dell'acquisto, la produzione media annua dell'impianto fotovoltaico che si andrà a acquistare e i vostri consumi energetici, in modo da valutare i tempi di ammortizzamento del vostro investimento e valutarne la convenienza.

Come posso stimare la produzione annua del mio impianto fotovoltaico?

Oggigiorno esistono numerosi strumenti per stimare la produzione in kWh/annuo di un impianto fotovoltaico, tra i quali segnalo il simulatore della Comunità Europea, il PV-GIS,  il quale permette di simulare la situazione, località e qualsiasi latitudine e longitudine in Europa e Africa. Inserendo le caratteristiche dell'impianto fotovoltaico che avete intenzione di acquistare, potrete ottenere una stima il più vicina possibile a quella reale, segnalandovi l'inclinazione e l'orientamento migliore per il vostro impianto.

La simulazione del rendimento termico annuo, o anche mensile, viene effettuata sulla base di dati di irraggiamento solare raccolti negli ultimi 9 anni, anche se è necessario, in ogni caso, tenere sempre presente le regole sopra enunciate in base alla temperatura media delle celle solari e delle zone di ombreggiamento che non possono essere dato valutabile dal sistema PV-GIS.

Ecco Come fare. Accedete al link: alla vostra sinistra, selezionate la località di installazione con la ricerca per nome o se non riuscite a trovare la zona desiderata, effettuate la ricerca per coordinate geografiche.
Una volta individuata la zona di installazione dell'impianto fotovoltaico, sulla vostra destra, inserite le caratteristiche dell'impianto che desiderate acquistare, per poter calcolare il rendimento annuo in  kWh. In questa sezione, è possibile anche verificare  l'orientamento e l'inclinazione migliore per impianto-località.

Autore Maria Francesca Massa

Articolo letto 10.515 volte



Visualizza l'elenco dei principali articoli