Le serre fotovoltaiche: sfruttare il sole nell'agricoltura e floricoltura

L'energia solare non solo può essere sfruttata nella nostra casa per produrre acqua calda o riscaldarla, ma può diventare parte integrante della nostra attività lavorativa o del nostro hobby. Pensiamo all'attività agricola o alla floricoltura, quanto potremo risparmiare con l'installazione di un impianto fotovoltaico nella superficie disponibile della nostra struttura o edificio?

La serra fotovoltaica, con pannelli fotovoltaici perfettamente integrati alla vostra struttura e con impatto visivo zero, è la soluzione ideale per ottimizzare lo spazio e l'utilizzo di energia.

Che cosa sono le serre fotovoltaiche?

Le serre fotovoltaiche presentano un'opportunità irrinunciabile nell'agricoltura e nell'attività di coltivazione di fiori e piante per l'installazione di impianti fotovoltaici grazie a un'ampia superficie disponibile per il collocamento dei pannelli e per la produzione di energia elettrica che vanta:

  • l'uso della climatizzazione dell'ambiente interno;
  • l'attività di irrigazione;
  • il movimento di bancali;
  • il controllo della serra stessa.

                   (Esempio di serra fotovoltaica adibita all'attività agricola e all'ortofloricoltura)

Com'è fatta una serra fotovoltaica?

Una serra fotovoltaica è realizzata con una sorta di tetto a falda in vetro trasparente o in film di polietilene che funge da copertura.

L'esposizione della serra presenta una parte a Sud e, proprio in quella porzione di superficie, possono essere installati i pannelli fotovoltaici, che non necessariamente devono essere collocati su tutto lo spazio disponibile.

I moduli fotovoltaici installati sono, generalmente, della tipologia opaca, ma attualmente si fanno sempre più facendo spazio, i pannelli semitrasparenti con vetri fotovoltaici a celle cristalline, organiche o in film sottile, che si caratterizzano per la trasparenza della superficie e l'ancor maggiore integrazione architettonica con impatto visivo nullo.     

       (Esempio di piccola serra fotovoltaica con pannelli solari orientati a Sud su una sola falda)

Quali sono i vantaggi di installare una serra fotovoltaica?

L'installazione di pannelli fotovoltaici nella superficie disponibile della serra o anche nelle vetrate presenta numerosi vantaggi:

  • non riduce la superficie per l'attività agricola, ortofloristica o vivaistica, ottimizzando gli spazi;
  • garantisce una tariffa incentivante dedicata, per un lasso di tempo ventennale, anche se realmente più bassa rispetto all'installazione di un impianto a terra;
  • gli impianti fotovoltaici sono esenti da imposte comunali sugli immobili, essendo edifici accatastabili.

Che cosa intende il Nuovo conto energia per serra fotovoltaica?

Per ottenere la tariffa incentivante è necessario che la tipologia di serra fotovoltaica corrisponda ai requisiti richiesti dal Nuovo Conto Energia 2011-2013. Per questo è neessario sapere che il nuovo decreto, per serra fotovoltaica, intende:

"Strutture nelle quali i moduli fotovoltaici costituiscono gli elementi costruttivi della copertura o delle pareti, adibite a serre dedicate alla coltivazione agricola o alla floricoltura. La struttura della serra, in metallo, legno o muratura, deve essere fissa, ancorata al terreno e con chiusura eventualmente stagionalmente rimovibile".

Ciò significa che, le serre fotovoltaiche che godono della tariffa incentivante non possono modificare l'uso.

A chi devo rivolgermi per ottenere una serra fotovoltaica efficiente?

Per ottenere e garantirsi l'efficienza energetica e il benessere nelle colture, è necessario valutare la luminosità della serra, che deve essere sempre uniforme, rivolgendosi a un agronomo, l'unico in grado di valutare l'installazione dei pannelli fotovoltaici in base alle necessità delle coltivazioni, studiando l'irraggiamento interno nelle differenti ore del giorno e delle stagioni, attraverso uno studio di fattibilità preliminare.

Dove si trova la serra fotovoltaica più grande del mondo? Si chiama Su Scioffu e si trova in Sardegna

Un chiaro esempio è quello della Sardegna, la prima regione italiana ad aver regolamentato e favorito attraverso incentivi la realizzazione di serre fotovoltaiche, emanando, inoltre, l'obbligo del 75% di luminosità, con l'installazione di moduli a scacchiera su una sola falda del tetto.

In Sardegna, infatti, nel Novembre 2011 è stato presentato, nel comune di Villasor, in provincia di Cagliari, un impianto di 134 serre fotovoltaiche di 26 ettari, chiamato Su Scioffu. E' stato accertato che la produzione di elettricità di questo parco serricolo, pari a circa 20 megawatt, (e già allacciato alla rete elettrica nell'agosto 2011 e in una seconda fase a ottobre) sarà in grado di soddisfare il fabbisogno energetico annuale di 10mila unità abitative.   

Costo? 70 milioni di euro, investiti dalla società americana General Electric e la multinazionale indiana Moser Baer Clean Energy Limited. 

               (Villasor, Sardegna: veduta dall'alto di Su Scioffu, parco di serre fotovoltaiche)

Il video della più grande serra fotovoltaica: Su Scioffu

Si consiglia anche la visione del video seguente sulla serra fotovoltaica Su Scioffu in cui evidenziano i pregi e i difetti, le aspettative e le promesse in soli pochi minuti di interviste:

Autore Maria Francesca Massa

Articolo letto 17.445 volte



Visualizza l'elenco dei principali articoli