Una turbina eolica in grado di creare acqua potabile? Con Eole Water si può

Utilizzare l'energia eolica per rendere l'acqua potabile. Questa è la sfida alla base dell'ingegnoso progetto dell'azienda francese Eole Water, secondo la quale l'energia a sfruttamento ventoso può regalarci acqua pulita da bere. Vediamo di cosa si tratta.

La turbina eolica Eole Water WMS1000

Una metodologia capace di sfruttare le microparticelle dell'acqua disperse in atmosfera sottoforma di umidità, ricavando da esse acqua potabile: è a questo scopo che la Eole Water ha progettato una turbina di ultima generazione, chiamata WMS1000 e capace di produrre oltre 1000 litri di acqua al giorno.

Un brevetto in grado di sfruttare i fenomeni naturali ed intercettare gli abbassamenti di temperatura, condizioni che lo rendono in grado di creare gocce di acqua infinitesimali dall'umidità, quindi di filtrarle e rimineralizzarle provvedendo alla creazione di acqua potabile. Ma come è nata questa invenzione innovativa? Scopriamolo insieme.

La storia di Eole Water

Nel 1997 Marc Parent, fondatore dell'azienda Eole Water, nel corso di un soggiorno ai Caraibi ebbe una prima idea per una turbina eolica atta a produrre acqua potabile. Da allora ebbe inizio un'iniziale sperimentazione dell'attività attraverso la raccolta dell'acqua prodotta da un condizionatore dell'aria, per passare successivamente al più complesso progetto di una turbina.

Nel 2004 viene fondata la società Eole Tech e dopo 4 anni viene completato lo sviluppo di un primo prototipo di turbina, insieme alla nascita della nuova società Eole Water s.a.s.

Nel 2009 avviene quindi il lancio del modello WMS1000 con un costo di sviluppo pari a 2 milioni di Euro. Vediamo dunque le caratteristiche di questa innovativa turbina eolica.

Marc Parent presenta le caratteristiche della turbina eolica Eole Water WMS1000

Le caratteristiche della turbina Eole Water WMS1000

La turbina eolica WMS1000 è stata progettata per produrre acqua senza la fonte di un'alimentazione esterna, attingendo l'energia necessaria esclusivamente dalla forza del vento.

Realizzata con componenti di qualità, dotata di un sistema di pulizia interna automatico, è collegata ad un generatore da 30 kW e montata su un albero con cilindri idraulici in grado di resistere alle più violente folate di vento o tempeste di sabbia.

Include un condensatore di umidità dotato di una superficie di scambio di 5 km di lunghezza ed un metro di larghezza, in lega di acciaio inossidabile per la produzione su scala annuale di acqua potabile senza rischi di corrosione. L'acqua circola in seguito all'interno di un sistema di trattamento su 5 livelli e filtro ad ultravioletti.

Una tecnologia innovativa, in linea con le moderne esigenze di sviluppo sostenibile, con un impatto ambientale pari a zero e nessun rilascio di CO2, che produce 30 kW di energia e fino a 1.500 litri di acqua al giorno.

La turbina eolica Eole Water

(La turbina eolica Eole Water WMS1000)

L'utilità di Eole Water WMS1000

Eole Water WMS1000 si propone come innovazione sostenibile per alleviare la carenza di acqua ed il bisogno di tutte quelle popolazioni che vivono in aree remote senza accesso ad acqua potabile sicura. Nel mondo infatti, 1,1 miliardi di persone non hanno accesso ad acqua potabile mentre oltre 2 miliardi sopravvivono con meno di 5 litri di acqua al giorno.

Maggiormente colpite sono le zone rurali dove almeno il 97% della popolazione non ha accesso ad acqua potabile giornalmente. Particolarmente in Asia e in Sud America si stima che il 14% della popolazione si abbeveri da fiumi e laghi allo stesso modo degli animali.

La mancanza di acqua è inoltre responsabile di almeno 7 morti ogni minuto per 3,6 milioni di persone l'anno. (Fonte: Eole Water-Learn about water)

Gli sviluppi applicativi di Eole Water in Medio Oriente

Nel 2011, dopo oltre 18 mesi di sviluppo e test in Francia, la turbina Eole Water WMS1000 è stata spedita in Medio Oriente, ad Abu Dhabi, per l'inaugurazione della sua prima fase di test in condizioni climatiche estreme e ha dimostrato di essere in grado di raccogliere più di 62 litri di acqua all'ora in condizioni di umidità a tasso medio del 45% e temperature oltre i 24 ° C.

I risultati hanno confermato un livello qualitativo nettamente maggiore rispetto allo standard richiesto dall'Organizzazione Mondiale della Sanità e la sperimentazione ha inoltre offerto ai curiosi l'opportunità di vedere la nuova tecnologia in azione, assaggiando l'acqua raccolta dall'aria.

AutoreDott.ssa Elisabetta Berra

Articolo letto 4.308 volte



Visualizza l'elenco dei principali articoli