Anche l'arredamento degli interni contribuisce al risparmio energetico grazie alla porta solare

Tecnologia e pregiata manifattura camminano di pari passo per la sostenibilità. Un'azienda italiana ha presentato il primo protopipo di un oggetto d'arredamento necessario in tutte le abitazioni che vede nel suo insieme la tecnologia a supporto delle fonti di energia rinnovabile con una caratteristica certamente non convenziale. Vediamo di cosa si tratta

La Porta di Luce

Nell'ambito della manifestazione fieristica Spaziocasa, nota esposizione di arredamento, mobili ed accessori per le abitazioni, svoltasi recentemente a Vicenza tra il 10 ed il 17 Febbraio 2013, è stato presentato un nuovo progetto di stampo ecosostenibile: la realizzazione della prima Porta di Luce, una porta da interni fotovoltaica.

L'innovativo prodotto è nato da una partership tra la vicentina Tondin, azienda manifatturiera parte del network Energitismo, un movimento artistico e industriale nato nel 2011 e impegnato nel progetto costante di arredi ed edifici al tempo stesso eleganti e funzionali alle migliori prestazioni energetiche, e l'azienda di Roma Torand S.r.l., specializzata nella progettazione e produzione di sistemi elettronici. Vediamo nel dettaglio le caratteristiche di questa nuova invenzione.

Le caratteristiche della Porta di Luce

Dall'accurato design di stile neoclassico, la Porta di Luce si presenta in legno pregiato lavorato a mano e laccato in color bianco opaco, decorata con un'elegante cornice rivestita in foglie d'argento, un sottilissimo supporto in metallo utilizzato a decoro delle superfici, la cui applicazione richiede mani esperte e anni di preparazione.

Al posto della comune superficie vetrata vi è l'inserimento di 12 moduli fotovoltaici di tipo DSC, che possono essere trasparenti oppure colorati e con la funzione di alimentare una serie di strisce a led luminosi, fonti di luce a basso consumo e atte alla creazione di un effetto soffuso circoscritto al perimetro della porta e in mezzo alle due ante centrali, controllate attraverso speciali sensori ambientali in base al grado di apertura o chiusura delle ante.

Le celle solari di terza generazione utilizzate, sono caratterizzate dal fatto di rendere possibile la diffusione della luce all'interno dell'ambiente domestico anche in assenza di una fonte solare diretta quindi in condizioni di non perfetta illuminazione, e sono collegate a delle batterie ricaricabili posizionate con un sistema a scomparsa dietro le porte stesse, permettendo l'accensione dei led.

La Porta di Luce è quindi in grado di generare autonomamente energia elettrica senza esposizione diretta all'irraggiamento e di utilizzarla per la diffusione nell'ambiente di sofisticati effetti luminosi, fasci di luce gestiti appositamente da schede elettroniche.

La Porta di Luce fotovoltaica

(La porta solare fotovoltaica Porta di Luce)

I vantaggi della porta solare

Un'oggetto di arredamento di questo tipo può essere utilizzato non solo come porta d'ingresso principale ma anche per le stanze interne, poichè dotato di una tecnologia efficiente anche in scarse condizioni di illuminazione.

La porta fotovoltaica è certamente in grado di contribuire al miglioramento dell'area luminosa notturna dell'abitazione oltre che fonte di un considerevole risparmio dal punto di vista del consumo energetico.

Presenta inoltre altri vantaggi green quali l'utilizzo di un materiale flessibile, ecologico ed economico come il legno, trattato attraverso un processo di produzione esente da emissioni tossiche per una tecnologia che, rispetto alla tradizionale al silicio, ha un costo inferiore ed è più produttiva.

Tutti fattori ai quali si aggiungono la ricercatezza estetica e l'elemento della personalizzazione, possibilità conferita dalla scelta del colore o delle sfumature e del grado di trasparenza dei pannelli oltre che la personalizzazione della foglia d'argento in foglia d'oro, di rame o di bronzo e la possibilità di integrazione in opere di interior design maggiormente studiate.

Che sia il punto di partenza per una strada verso il futuro, per la realizzazione di abitazioni ecosostenibili complete di arredi funzionali green?

AutoreDott.ssa Elisabetta Berra

Articolo letto 864 volte



Visualizza l'elenco dei principali articoli