La pergola fotovoltaica: cos'è e perchè sceglierla

La pergola fotovoltaica è una copertura in legno o acciaio zincato costituita da moduli fotovoltaici e dai suoi sistemi di supporto che ha il vantaggio di ottimizzare gli spazi dell'installazione di un sistema solare: la struttura, infatti, essendo sopraelevata, non crea cubatura, né superficie e può essere installata in ogni lato dell'edificio, nel giardino o all'entrata, vantando una perfetta integrazione archittettonica.

Svolgendo la stessa funzione di un tradizionale impianto fotovoltaico, la pergola fotovoltaica necessita di tecnici specializzati nell'installazione e nello studio di fattibilità che sapranno consigliare il dimensionamento, l'orientamento e l'inclinazione, in modo da rendere ottimale il rendimento elettrico dei moduli solari. Fermo restando che, la pergola fotovoltaica permette una più veloce installazione, in quanto non necessita di opere murarie o interventi edilizi.

(Barrali, (CA) in Sardegna: pergola fotovoltaica con struttura in legno, posta ai lati dell'edificio abitativo, con possibilità di parcheggiare le auto al di sotto della struttura o di adibirla a luogo di relax collocando tavolini e sedie da - comune-italia.it)

Quali sono i vantaggi di scegliere una pergola fotovoltaica?

Le pergole fotovoltaiche presentano un design che si integra perfettamente con l'ambiente circostante, anche perché possono essere scelte nello stile e nelle dimensioni dall'utente, che le adatta in base ai suoi gusti e alle sue esigenze.

Una pergola fotovoltaica, infatti, non ha solo l'obiettivo di sollevare i moduli solari da terra, ma assolve anche la funzione di creare un luogo di riposo e di riparo dalle radiazioni solari e dalla calura, soprattutto estiva, mentre in inverno diventa un luogo riparato dagli agenti esterni, come la pioggia o la neve.

   (Pergola fotovoltaica adibita a parcheggio e protezione auto da - fotovoltaico.casapassiva.com)

Nelle unità abitative residenziali, la pergola fotovoltaica trova la sua massima espressione anche come parcheggio per l'auto e come serra e piccolo spazio adibito alla floricoltura o al riporre fiori e piante, mentre in uno spazio urbano, questa tipologia di sistema solare può diventare un vero parcheggio pubblico per auto, biciclette e ciclomotori.

Inoltre, nelle aree pubbliche, la pergola fotovoltaica assume particolare importanza nel ricovero dei carrelli nei centri commerciali o come struttura sicura e coperta per le stazioni di servizio.

  (Pergola fotovoltaica in piazza adibita a parcheggio delle bici da - fotovoltaico.casapassiva.com)

Che cosa intende la normativa vigente per pergola fotovoltaica?

"Per pergola fotovoltaica si intende quella struttura di pertinenza di unità a carattere residenziale, atta a consentire il sostegno di verde rampicante su terrazzi, cortili o giardini, con una ridotta superficie di copertura in pianta. In questa categoria specifica quelle strutture realizzate in ampi spazi aperti scollegati da unità immobiliari, anche con destinazione agricola, la cui finalità principale è quella di sollevare da terra moduli fotovoltaici di impianti di media e grande dimensione. I moduli, ovvero, la porzione di copertura della pergola in cui essi sono integrati, devono avere una distanza minima dal suolo di 2 metri".

A chi devo rivolgermi per realizzare una pergola fotovoltaica?

Se si desidera realizzare una pergola fotovoltaica nella propria abitazione, è necessario recarsi nel proprio comune di domicilio e presentare una DIA, ovvero, il documento amministrativo di Denuncia di Inizio Attività.

Similmente all'installazione di un impianto fotovoltaico, questa tipologia di sistema solare è soggetta a incentivazione statale, previo esame del GSE sull'integrazione architettonica dell'installazione effettuata: l'uso reale per il quale si richiede l'installazione della pergola deve essere dichiarato nel progetto e non può essere modificato per un periodo di vent'anni, durata del godimento dell'incentivazione statale. Per maggiori informazioni, consulta il sito del GSE a riguardo.

Come devo realizzare la pergola fotovoltaica per avere la certezza di ottenere gli incentivi del GSE?

La prima cosa da fare per non rischiare di non vedere accreditato il progetto della pergola fotovoltaica dal GSE è quello di riflettere bene a quale uso vogliamo adibire il nostro manufatto. E' consigliabile scegliere la funzione della quale si ha maggiormente bisogno e, una volta scelta, dichiararla nel documento DIA. Inoltre, si ricorda che:

  • al fine di ottenere il riconoscimento della parziale o totale integrazione degli impianti fotovoltaici su pensiline, tettoie, pergole e serre è necessario, ma non sufficiente, allegare alla domanda un documento che comprovi la loro effettiva destinazione d'uso (per esempio la Dichiarazione di inizio attività, il permesso a costruire o il certificato catastale);
  • allo scopo di assicurare che la realizzazione degli impianti fotovoltaici consenta un minor utilizzo del territorio, il GSE si riserva di valutare se la realizzazione di pergole, pensiline, tettoie, serre e ogni altro manufatto abbia una funzionalità e consistenza autonoma rispetto all'intervento con il quale si provvede ad integrare i moduli fotovoltaici.

A quale tipo di incentivazione ha diritto la pergola fotovoltaica?

In base alla normativa vigente, gli impianti in cui i moduli solari siano un elemento costruttivo, come le pergole, le serre, le barriere acustiche etc., hanno diritto a una tariffa incentivante uguale alla media aritmetica tra la tariffa degli impianti realizzati in edifici e la tariffa per altre tipologie di impianti.

Autore Maria Francesca Massa

Articolo letto 21.676 volte



Visualizza l'elenco dei principali articoli