Inverter con sistemi di accumulo per gestire meglio l'energia

Per coloro che abbiano intenzione di investire in un settore in grande espansione come quello del fotovoltaico, una ottima opportunità potrebbe rivelarsi nell'opzione rappresentata dai sistemi inverter con accumulo. Per capire  meglio di cosa si parli, occorre fare un piccolo passo indietro, ricordando come uno dei principali difetti della prima tecnologia fotovoltaica fosse proprio quello relativo alla pratica impossibilità di immagazzinare l'energia prodotta nel corso del giorno e usarla magari durante la notte. Una strozzatura che costringeva a vendere la stessa al gestore, per poi ricomprarla a prezzi maggiorati nei momenti di bisogno, tale da trasformarsi in una sorta di boomerang, superata poi grazie all'arrivo dei sistemi di accumulo. I sistemi di accumulo consentono quindi di immagazzinare l'energia in apposite batterie, che possono dare risultati ancora più brillanti se l'uso dell'inverter viene abbinato a quello di sistemi di energy storage, i quali riescono appunto a renderla disponibile nelle ore serali. Una caratteristica che consente anche di superare il problema rappresentato dai picchi di consumo, in quanto permette di organizzare l'uso degli elettrodomestici più energivori e di gestire meglio la corrente prodotta di giorno.

Un sistema di accumulo per energia solare

(Un sistema di accumulo per energia fotovoltaica)

Come è ormai ampiamente risaputo, la produzione di energia per mezzo degli impianti fotovoltaici dipende in larga misura da fattori imprevedibili, ovvero dalla disponibilità di raggi solari in grado di attivare il dispositivo. Un limite che può però essere superato proprio agendo su dispositivi in grado di accumulare l'energia prodotta, rendendone più agevole la gestione in base alle proprie necessità. Non è perciò un caso che proprio ai sistemi di accumulo molti addetti ai lavori facciano risalire buona parte di possibilità per una ulteriore espansione dell'energia solare. Una possibilità resa sempre più concreta dal fatto che questa tecnologia promuove l'autoconsumo e l'efficienza energetica degli edifici, due dei concetti che sono alla base del fotovoltaico. In questo quadro, risulta poi fondamentale il contributo che può essere assicurato da un sistema di accumulo in cui il concorso di inverter e storage integrato siano in grado di assicurare i larghi vantaggi di cui sono portatori.

I sistemi di accumulo ottimizzano i consumi

(I sistemi di accumulo con inverter possono risolvere molti problemi relativi al consumo dell'energia fotovoltaica)

Tra i vantaggi più cospicui, assicurati da questa soluzione, vanno ricordati in particolare: 
1) il coordinamento dei flussi energetici e il sostanziale allineamento tra consumi domestici e produzione di energia da parte dell'impianto fotovoltaico;
2) la disponibilità di una sola interfaccia utente con la quale diventa possibile monitorare la produzione di energia e la gestione dei carichi domestici;
3) l'ottimizzazione della durata e della gestione della batteria. 
Dal punto di vista economico, invece, il vantaggio è quantificabile con estrema semplicità e deriva dalla differenza tra il costo praticato dal gestore per fornirci energia elettrica e quello che ci pagherebbe in caso fossimo noi a venderla. Considerato che il primo si attesta di solito intorno ai 27 centesimi, con tendenza ad alzarsi in caso di consumi in crescita, per effetto della sciagurata progressività delle tariffe che continua a caratterizzare il nostro paese, mentre il secondo arriva ai 10 centesimi, si può comprendere agevolmente la convenienza di optare per i sistemi di accumulo con inverter.   

AutoreDott. Dario Marchetti

Articolo letto 1.660 volte



Visualizza l'elenco dei principali articoli