Inquinamento: ma quanto ci costa una tonnellata di CO2?

CO2 o diossido di carbonio o biossido di carbonio. Questo ossido acido, senza il quale i processi vitali di flora e fauna sarebbero compromessi, è anche tra i principali indiziati del cosiddetto effetto serra, anche questo un protagonista di primo piano della vita sulla Terra; questo effetto, infatti, ha evitato nel corso di milioni di anni brusche e ampie variazioni termiche tra il giorno e la notte. L'aumento progressivo dei livelli di CO2 nell'aria (legato alla crescita dell'industrializzazione) si è rivelato, però, tutt'altro che positivo per il pianeta. L'incremento dell'effetto serra sembra, infatti, all'origine dell'incremento delle temperature che, innalzandosi troppo velocemente, non lasciano agli ecosistemi il tempo necessario ad adattarsi.

Il diossido di carbonio o C02 è naturalmente presente in atmosfera ed è tra i principale protagonisti della vita sulla Terra

(Il diossido di carbonio o C02 è naturalmente presente in atmosfera ed è tra i principale protagonisti della vita sulla Terra)

Ma quali sono i costi sociali dell'incremento dei livelli di C02?

I costi ambientali legati all'aumento della quantità di CO2 nell'atmosfera sono molto noti. Il punto, però, è che (per quanto gravi) non sono i soli. Una nuova ricerca recente firmata "Environmental Protection Agency" (EPA), l'Agenzia americana creata per proteggere a livello legislativo la salute umana e l'ambiente, ha, infatti, portato all'attenzione pubblica il problema del costo sociale legato all'aumento dei livelli di CO2. Secondo l'EPA, che nella sua ricerca, ha fatto ricorso a tre modelli economici, nel 2015 il costo sociale di ogni nuova tonnellata di CO2 sarà di 37 dollari pro capite (vale a dire, per persona). 

Ma c'è chi grida al peggio.

Alla stessa domanda, ha, infatti, cercato di rispondere anche un team della University of Stanforde, in questo caso, l'asse delle bilancia si sposta decisamente sino ad arrivare a ben 220 dollari pro capite.

Secondo un gruppo di ricercatori della Università di Stanford, il costo sociale di una tonnellata di CO2 sarà pari a 220 dollari a testa

(Secondo un gruppo di ricercatori della Università di Stanford, il costo sociale di una tonnellata di CO2 sarà pari a 220 dollari a testa)

A questo punto, si tratta di capire cosa si intenda per costo sociale di una tonnellata di CO2.

Le emissioni di una tonnellata di CO2 nell'atmosfera hanno, infatti, prima di tutto conseguenze di non poco conto su clima e ambiente, che si ripercuotono inevitabilmente a cascata sull'attività agricola e sull'economia. Ciò significa che l'aumento dei livelli di C02 nell'atmosfera diventa anche protagonista de:

  • La diminuzione dei livelli di produzione agricola
  • La diminuzione della produttività dei lavoratori stessi
  • La crescita dei costi e delle spese legate alla sanità, per via dei crescenti rischi per la salute umana
  • L'aumento della spesa per quel che riguarda la salvaguardia e gli interventi di ripristino a favore dell'ambiente 
L'effetto serra fa naturalmente parte della vita del pianeta, ma con l'aumento della CO2, è responsabile dell'aumento delle temperature sul pianeta con ricadute ambientali, economiche e sociali a cascata

(L'effetto serra fa naturalmente parte della vita del pianeta, ma con l'aumento della CO2, è responsabile dell'aumento delle temperature sul pianeta con ricadute ambientali, economiche e sociali a cascata)

Per la prima volta nella storia, quindi, una ricerca condotta da un'università ha mostrato come i cambiamenti climatici siano perfettamente in grado di influenzare il tasso di crescita economica di un Paese, rallentando notevolmente e ulteriormente soprattutto i Paesi poveri e con conseguenze certe e durature su medio e lungo termine a livello non solo ambientale, ma anche sociale ed economico.

Investire e puntare sulle rinnovabili e costruire progetti di mitigazione diventa così una questione sempre più conveniente anche in termini di ritorni economici futuri: per l'ambiente, l'economia e la salute umana. 

AutoreDott.ssa Morena Deriu

Articolo letto 1.560 volte



Visualizza l'elenco dei principali articoli