Grandi progetti alle isole Canarie per il fotovoltaico e le energie rinnovabili

La Spagna crede fortemente nel rinnovabile e lo dimostrano i progetti e le realizzazioni in corso di impianti a sfruttamento di energia pulita che stanno sorgendo sul territorio delle splendide isole appartenenti ad una metà vacanziera che rientra spesso tra i sogni di molti: l'arcipelago delle Canarie. Vediamo più da vicino di cosa si tratta.

Il progetto di El Hierro

L'isola più piccola appartenente all'arcipelago, El Hierro, situata a circa 1.500 km dalle coste spagnole nel mezzo dell'Oceano Atlantico, sta portando a termine l'ambizioso progetto in quanto prima isola al mondo alimentata esclusivamente da fonti ad energia rinnovabile tra solare, eolico e idroelettrico.

Patrimonio dell'UNESCO con un 59% di riserve naturali protette, dal 2002 una politica di approvvigionamento energetico appoggiata dal Governo delle Isole Canarie e fondata sullo sfruttamento di più energie alternative sul restante 41% del territorio, ha portato l'isola ad avviare un percorso di transizione energetica verso le fonti rinnovabili in sostituzione delle fonti fossili che alimentavano l'unica centrale elettrica presente sul luogo.

L'approvazione del Piano di Sostenibilità ha portato dunque alla costruzione di una centrale idroelettrica atta a coprire l'80% del fabbisogno energetico di El Hierro e alla realizzazione in corso di parchi fotovoltaici, per la copertura del restante 20%.

Impianti fotovoltaici e termici sono stati già installati in gran quantità sui tetti delle abitazioni delle 10.000 famiglie residenti sul territorio di 269 km quadri di El Hierro.

L'ambizioso progetto, oltre alle notevoli conseguenze di risparmio energetico e riduzione delle emissioni inquinanti, in accordo con le direttive internazionali dell'obiettivo 2020, avrebbe inoltre una forte valenza turistica: un'isola green alimentata da fonti esclusivamente pulite, potrebbe essere un preludio di grande attrattiva in tempi in cui le tendenze verdi sono sempre più di dominio pubblico e mettere così in risalto l'isola più piccola delle Canarie sul panorama dell'offerta turistica internazionale. (fonte:www.elhierro.es)

Il progetto Arca Canarias

Nel 2012 partì il progetto Arca Canarias, commissionato dall'omonima impresa spagnola alla società 9REN Groupuno dei maggiori operatori mondiali sul mercato fotovoltaico con 2 sedi italiane e 3 spagnole.

All'azienda furono affidate la progettazione, l'installazione e la gestione triennale di un impianto fotovoltaico sull'isola di Tenerife alle Canarie, che doveva essere installato sul tetto di un capannone industriale dell'azienda Arca Canarias.

Il capannone fu progettato e costruito con la supervisione della 9REN allo scopo della realizzazione di un edificio con caratteristiche specifiche e necessarie all'installazione dell'impianto fotovoltaico.

8 settimane di lavori portarono successivamente alla connessione in rete dell'impianto il 5 Dicembre 2012 per una realizzazione finale composta da 2.526 pannelli fotovoltaici e 42 inverter per una potenza nominale di 600 kW e una produzione elettrica di 1.036.991 kWh, in grado di soddisfare la domanda elettrica annuale di 259 abitazioni. (fonte: 9REN.it)

L'installazione fotovoltaica della 9REN a Tenerife

(L'installazione fotovoltaica della 9REN per il progetto Arca Canarias a Tenerife)

I finanziamenti previsti alle Canarie

L'impianto di Tenerife rientra nell'ambito del Real Decreto 1578/2008 relativo alle sovvenzioni a favore dell'energia elettrica proveniente da fonte rinnovabile solare e si avvale della tariffazione incentivante prevista dalle autorità spagnole di 32 centesimi per kWh per installazioni con capacità superiore a 20 kW realizzate su tetti di edifici ad utilizzo industriale.

Il Governo delle Canarie invece, in cooperazione con l'IDEA Istituto per la Diversificazione e il Risparmio di Energia, ha stanziato fondi per i propri abitanti per un totale di quasi 2.000.000 Euro atti a finanziare un totale di 54 progetti in favore dell'attuazione del Piano per le energie rinnovabili nel territorio della Comunità Autonoma.

Questo permette agli isolani di poter ottenere una sovvenzione fino ad un valore del 37% sul costo previsto per l'installazione di nuovi impianti solari termici o di impianti già esistenti, per un contributo massimo pari alla cifra di 120.000 Euro.

AutoreDott.ssa Elisabetta Berra

Articolo letto 6.388 volte



Visualizza l'elenco dei principali articoli