Come incrementare l'autoconsumo di energia da fonti rinnovabili nella propria abitazione: i vantaggi per tutti

Consumare più energia possibile prodotta da fonti rinnovabili e soprattutto se generata dal nostro impianto fotovoltaico è sicuramente il modo per aumentare i benefici economici sulla nostra bolletta, incrementare il risparmio sull'energia elettrica e ridurre l'impatto ambientale, ma non solo.

Autoconsumare maggiore energia generata da fonti rinnovabili e prodotta dal proprio impianto fotovoltaico o eolico apporta numerosi benefici sul bilancio nazionale delle imprese e delle famiglie e soprattutto aumenta l'efficienza stessa delle rete di distribuzione nazionale della corrente elettrica, permettendo di garantire a tutti un servizio maggiormente efficiente e immune da black-out.

Ogni Kwh di energia prodotto da fonti rinnovabili e in maniera particolare da fotovoltaico garantisce una maggiore disponibilità di energia pulita, gratuita e a basso impatto ambientale che nelle casse dello Stato riduce sensibilmente la necessità di importazioni di combustibili quali gas, petrolio e carbone, limitando anche la dipendenza dai combustibili esauribili e posseduti da altre nazioni differenti dall'Italia, come la Russia per il gas e l'energia nucleare acquistata dalla Francia.

Come aumentare l'autoconsumo dell'energia da fonti rinnovabili e perché?

La produzione e l'autoconsumo maggiore di energia da fonti rinnovabili nella propria abitazione  permette di rendersi indipendenti e autosufficienti energeticamente nella autoproduzione di energia consumando esclusivamente l'energia prodotta, secondo il sempre più importante concetto di generazione distribuita.

E' normale però che per incrementare l'autoconsumo nella propria abitazione sia necessario adottare delle determinate e precise strategie per ottenere maggiori benefici economici e azzerare la bolletta energetica:

  • la prima strategia di particolare importanza da adottare è l'acquisto di un sistema di accumulo dell'energia prodotta, la tipologia più efficiente è quella a batteria, che permette di produrre, autoconsumare e immagazzinare l'energia fotovoltaica non consumata e conservarla per un consumo successivo, nel momento in cui vi è una bassa produzione, in cui il clima non permette la produzione di energia rinnovabile o anche nei monenti in cui non vi è l'irraggiamento solare, come durante la notte;
  • l'autoconsumo istantaneo, ovvero in loco, dell'energia da fonti rinnovabili prodotta è la maniera migliore per ottimizzare il rendimento di ogni tipologia di impianto fotovoltaico o eolico, sia esso installato per uso domestico e individuale, sia esso costruito in grandi aziende o contesti industriali;
  • autoconsumare l'energia prodotta dal proprio impianto fotovoltaico consente di avere un maggior guadagno sulla bolletta elettrica rispetto a cedere l'energia generata alla rete di distribuzione nazionale, in quanto i prezzi sono molto più bassi e acquistare l'energia dalla rete ha un costo superiore: l'autoconsumo istantaneo dell'energia prodotta dal proprio impianto si configura ancora una volta come la soluzione più economica, utilizzandola nel momento stesso in cui viene prodotta, senza intermediari.

I sistemi di accumulo a batteria: incrementare l'autoconsumo di energia da fonti rinnovabili

Il sistema di batterie di accumulo ha l'obiettivo di conservare l'energia prodotta dal proprio impianto fotovoltaico per non utilizzare l'energia del GSE e non pagarla sulla bolletta elettrica: l'energia autoprodotta è gratuita per cui con il sistema di batteria di accumulo non si ha bisogno nella parte della giornata con l'irraggiamento solare della rete elettrica per alimentare gli elettrodomestici.

Il sistema di accumulo a batteria dell'energia autoconsumata può essere considerato un meccanismo intelligente che permette di individuare se accumulare o meno l'energia o se spostarla in autoconsumo, garantendo anche un ritorno economico se si sceglie la Tariffa Premio autoconsumo proposta dal GSE.

Aumentare l'autoconsumo di energia da fonti rinnovabili con la Tariffa Premio

Per aumentare il consumo di energia generata è necessario incrementare il consumo e l'alimentazione degli elettrodomestici nel momento di massima produzione di energia istantanea e, con il sistema di accumulo, immagazzinare l'energia non consumata per sfruttarla la notte per continuare ad alimentare gli apparecchi elettrici.

Nell'obiettivo di risparmiare e guadagnare nella scelta di autoconsumare maggiormente l'energia autogenerata dal proprio impianto fotovoltaico, particolare importanza assume la scelta della tariffa premio di autoconsumo, grazie alla quale il GSE corrisponde all'utente che consuma la propria energia e non sfrutta quella della rete, una quota che va a sanare la bolletta elettrica.

Osserva anche la seguente tabella che riguarda le quote cedute all'utente proprietario di impianto fotovoltaico che sfrutta l'autoconsumo:

Potenza nominale degli impianti fotovoltaici

Tariffa premio autoconsumo

MARZO-AGOSTO 2013

Tariffa premio autoconsumo

SETTEMBRE-MARZO 2014

DA 1-20 kW 0,160 EURO
0,144 EURO
DA 20-200 kW 0,149 EURO 0,134 EURO
Superiori a 200  kW 0,135 EURO
0,12  EURO

L'energy Controller: programmare l'autoconsumo dell'energia da fonti rinnovabili

Un'ulteriore tecnologia innovativa nel settore del fotovoltaico è quella dell'applicazione di un particolare dispositivo "Energy Controller" all'inverter per la gestire dei flussi di energia prodotta e massimizzare l'autoconsumo, attivando le utenze domestiche quando l'energia da fotovoltaico è maggiore, permettendone anche la programmazione delle soglie di carico per ogni elettrodomestico e per ogni utenza che verrà collegata all'inverter.

L'Energy Controller è un dispositivo integrato negli inverter STL, studiato per aumentare negli impianti fotovoltaici residenziali la produzione di energia elettrica auto consumata in sito e riducendo, in questo modo, le correnti ed i picchi di immissione in rete. Inoltre, al dispositivo Energy controller possono essere collegate tutte le utenze domestiche che verranno alimentate dall' energia elettrica prodotta da fotovoltaico, riducendo i prelievi dalla rete nazionale.

Esempio di Energy Controller per l'autoconsumo dell'energia da fonti rinnovabili

(Esempio di Energy Controller per l'autoconusmo dell'energia da fonti rinnovabili prodotto dall'azienda wyGeco - da energie-rinnovabili.net)

Autore Maria Francesca Massa

Articolo letto 7.237 volte



Visualizza l'elenco dei principali articoli