Green Globe Banking Award: le eccellenze Green del settore bancario

L'ottava edizione del tanto ambito Green Globe Banking Award 2014 – per le eccellenze Green del settore Bancario organizzato da Globiz – è stato aggiudicato da BNL Gruppo BNP Paribas e Cariparma.

L'evento è stato inaugurato con una Conference gratuita aperta al pubblico, tenutasi nella Sala Convegni Intesa Sanpaolo nel cuore della città di Milano.  Dapprima l'intervento del fondatore di Green Globe Banking, Marco Fedeli, che ha letto lo scritto di Gian Luca Galletti, Ministro dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare del governo Renzi; poi l'evento è entrato nel nocciolo della questione con Mario Scolari, direttore di Ricerche Verdi, che ha presentato la ricerca "Le attese verso le banche delle imprese del Green Made in Italy". Il tema proposto,"VersoExpo 2015. Quale banca per lo sviluppo dell'economia Green Made in Italy?", è attualmente al centro delle questioni economiche del Paese.

Green globe banking Conference

(Green Globe Banking Conference)

«Green Globe Banking Conference rappresenta il punto di riferimento italiano per delineare lo stato dell'arte del Green Banking – si legge sulla presentazione dell'evento – È un confronto tra esperienze, nazionali e internazionali, per rappresentare l'avanguardia intellettuale e operativa del ruolo chiave del sistema bancario per lo sviluppo della cultura della sostenibilità».

Molte le personalità che sono intervenute nel "Round table di confronto e commento della ricerca tra rappresentanti delle banche, delle imprese e delle Istituzioni" moderato da Angelo Maria Perrino, direttore di Affariitaliani.it: Mauro Conti, direttore generale BIT – Banca per Investimenti sul Territorio Credito Cooperativo, Angelo Di Gregorio, Direttore Dipartimento di Scienze Economico-Aziendali e Diritto per l'Economia e Direttore Centro di Ricerca Interuniversitario in Economia del Territorio Università di Milano Bicocca e membro Comitato Scientifico Dipartimento per lo Sviluppo delle Economie Territoriali Presidenza del Consiglio dei Ministri, Francesco Ferrante, vice presidente del Kyoto Club e con l'economista, Stefano Melazzini, responsabile Settori Economici del Mediocredito Italiano Gruppo Intesa Sanpaolo e Alessandro Signorini, dirigente responsabile Area Nord Ovest di Banca Monte dei Paschi di Siena, Ezio Veggia, vice presidente di Confagricoltura, Andrea Nacci, Vice Direttore Generale CR Volterra, Alessandro Segale, professore ordinario all'Università Statale di Milano e infine Roberto Gerbo, Referente Scientifico per le banche, Consigliere AssoEge.

Nonostante le divergenti argomentazioni in merito, il massimo comun denominatore del dibattito è stata la consapevolezza della necessità di un cambiamento culturale e di mercato del lavoro teso a valorizzare l'enorme portata innovativa dell'Economia sostenibile, la cosiddetta Green Economy. 

Il premio Impatti Indiretti è stato aggiudicato da BNL Gruppo BNP Paribas per il progetto "BNL GREEN"«Con il Progetto ‘BNL GREEN', Bnl ha dimostrato di aver colto pienamente gli aspetti decisivi del Green Banking, cioè la possibilità di offrire a clienti privati e piccole imprese non solo prodotti finanziari ma soluzioni in grado di interpretare e supportare nuovi consumi e nuove esigenze green degli italiani – ha commentato il Comitato Scientifico BNL GREEN è un Progetto completo e strategicamente evoluto, in cui una consolidata cultura d'impresa, orientata verso tematiche di sostenibilità ambientale, si incrocia con tecniche di relazione con il mercato professionalmente avanzate, per dar luogo ad un mix di visione e operatività concretamente efficace in risultati economici, ambientali e sociali. Il Progetto BNL GREEN rappresenta un esempio luminoso di un modo intelligente di fare banca, oggi». 

Il premio Impatti Diretti, inveceè stato vinto da Cariparma per il progetto "Easy cash:easy eco-choise"«È dotato di significati che dimostrano una profonda comprensione del ruolo che una banca ricopre nella diffusione di una attiva sensibilità ambientale – ha motivato il Comitato Scientifico durante la premiazione – In particolare, l'adozione di sistemi di monetica ecoefficienti nei materiali e nei processi, non  rappresenta solo un efficace utilizzo di tecnologie innovative e sostenibili, ma soprattutto un potentissimo e tangibile ‘media' per la trasmissione di un esempio di attenzione ambientale su larghissima scala».

premio ad honorem

(Premio Green Globe Banking Ad Honorem assegnato alla Marina Militare)

Pasquale Tripodi, Capitano di Fregata dello Stato Maggiore, ha ritirato il Premio Green Globe Banking Ad Honorem assegnato alla Marina Militare, per premiare, appunto, l'operato svolto da tutti i militari per la salvaguardia dell'eco-sostenibilità e dei valori ambientali come nel caso specifico del progetto a difesa del Mar Mediterraneo, come ha spiegato lo stesso Comitato Scientifico di Green Globe Banking: «La Marina Militare contribuisce in maniera eccezionale allo sviluppo della cultura della tutela dei nostri mari. Per le sue elevatissime competenze ricopre un ruolo decisivo nell'ambito della Marine Strategy, strategia marina dell'Unione Europea, che vede la Marina Militare impegnata a contribuire al raggiungimento entro il 2020 del ‘buon stato ambientale' del Mediterraneo, attraverso la conservazione degli ecosistemi, l'uso sostenibile delle risorse marine e la cooperazione tra gli Stati. In questa logica sviluppa, tra l'altro, programmi di eccellenza per la determinazione dei traguardi ambientali e per le attività di monitoraggio, specie in riferimento all'habitat del fondale marino e delle biodiversità, alle condizioni idrografiche e ambientali marine e al rumore sottomarino, soprattutto in alto mare dove altri operatori hanno difficoltà ad intervenire. Persegue con encomiabile determinazione i principi di sostenibilità ambientale che integra con una grande capacità di innovazione in grado di produrre concreti risultati di altissimo significato: è infatti un vanto per il nostro Paese il progetto Flotta Verde già in corso di sperimentazione con navi ecoefficienti alimentate da Green Diesel. L'impegno quotidiano della Marina nella lotta contro l'inquinamento del mare è un imperdibile patrimonio di valori e di azioni coagulati intorno alla consapevolezza che dal mare passa gran parte della qualità della vita delle future generazioni».

Durante la giornata, inoltre, sono stati consegnati i diplomi della Green Business Executive School ai manager bancari che hanno seguito i corsi di Alta Formazione Executive "Green Banking" e "Energy Management".

AutoreGiornalista Tiziana Simeoli


Visualizza l'elenco dei principali articoli