Francobolli per le energie rinnovabili: il nuovo omaggio di Poste Italiane

Un annullo speciale (fdc appoggiato al Milano Isola) per le rinnovabili è quello che sarà apposto a Milano, venerdì 21 marzo, alla presenza dell' ex ministro Corrado Cini (ora, Direttore generale per lo sviluppo sostenibile, il clima e l'energia per il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del mare). L'apertura della ventisettesima edizione del salone filatelico Milanofil sarà, quindi, l'occasione per l'entrata in scena, nel mondo della filatelia italiana, di sei francobolli auto-adesivi (ciascuno del valore di 70 centesimi), raccolti (su due file di tre) all'interno di mini-fogli, interamente dedicati da Poste Italiane alle risorse naturali alle base della produzione di energia rinnovabile.

Dal 21 marzo, saranno disponibili i nuovi francobolli dedicati da Poste Italiane alle energie rinnovabili

(Dal 21 marzo, saranno disponibili i nuovi francobolli dedicati da Poste Italiane alle energie rinnovabili)

Ogni immagine (presentata alla stampa pochi giorni prima dell'emissione da Poste Italiane) sarà, quindi, rappresentativa di una delle energie rinnovabili: solare, eolico, geotermia, biomasse e, infine, idroelettrico, con spazio tanto per l'idroelettrico più tradizionale quanto per l'energia mareomotrice di onde e maree.

La serie dedicata alle "eccellenze del sistema produttivo ed economico" (secondo quanto recita il testo, indicativo della serie tematica, posto nella parte alta del mini-foglio) è stata disegnata dalla bozzettista Anna Maria Maresca (ideatrice di alcune delle più recenti serie di francobolli emesse da Poste Italiane) ed è stata ovviamente stampata dall'Istituto Poligrafico e dalla Zecca dello Stato S.p.A. In ogni francobollo, elementi della natura e dell'ambiente sono raffigurati a tinte vivaci per proseguire anche al di fuori di ogni dentellato; completano il quadro la leggenda ("energia solare", "energia eolica", "energia geotermica", "energia da biomassa", energia idroelettrica", "energia marina"), la scritta "Italia" e il valore "€ 0,70", tutti rigorosamente in caratteri maiuscoli.

Il mini-foglio della serie dei francobolli dedicati alle fonti di energia rinnovabili. Fonte Ansa)

(Il mini-foglio della serie dei francobolli dedicati alle fonti di energia rinnovabili. Fonte: Ansa)

I francobolli sono stati stampati in un quantitativo pari a un milione di unità, ma non rappresentano il primo omaggio del mondo della filatelia italiana alle fonti di energia rinnovabile. L'emissione di una precedente serie, allora dedicata alla "Riduzione dei consumi energetici" risale, infatti, al 25 febbraio del 1980: due francobolli policromi da 120 lire, rispettivamente intitolati alle "Fonti energetiche alternative" (come recita la titolatura), vale a dire, i pannelli solari, e alla "Riduzione dei consumi energetici", con la rappresentazione di sole e petrolio.

Va detto, però, che già allora l'omaggio italiano arrivava secondo a quello svedese, emesso più o meno un mese prima, il 29 gennaio del 1980. La serie svedese proponeva, tra l'altro, già cinque fonti di energia rinnovabili (solare, eolico, biomassa, geotermia, marina), mancando solo di quella idroelettrica, aggiunta da Poste Italiane nella serie in emissione in questi giorni.

La busta con l'annullo speciale dell'emissione della serie dedicata alle rinnovabili nel 1980. Fonte: ibolli.it

(La busta con l'annullo speciale dell'emissione della serie dedicata alle rinnovabili nel 1980. Fonte: ibolli.it)

La nuova serie dedicata alle energie rinnovabili sarà una delle tre nuove nate a debutto al salone Milanofil: il 22, sarà la volta di quella (sempre da 70 centesimi) dedicata al Bramante, mentre il 23 andrà in scena lo stesso taglio ma dedicato a Michelangelo. Il Salone sarà, poi, visitabile presso il MICO-Milano Congressi da venerdì 21 marzo a domenica 23 con ingresso gratuito (venerdì e sabato, l'ingresso è previsto dalle 9.30 alle 18.30 e domenica dalle ore 9.30 alle 14.00). Al salone (voluto e organizzato da Poste Italiane) parteciperanno i principali operatori commerciali e sarà possibile visitare mostre filateliche e assistere ad assemblee e convegni.

AutoreDott.ssa Morena Deriu

Articolo letto 1.164 volte



Visualizza l'elenco dei principali articoli