Fotovoltaico: le aziende che hanno fatto la storia del 2013

Mentre sono già iniziate le previsioni su come andrà il mercato del fotovoltaico nell'anno appena arrivato, è ancora tempo di trarre un bilancio da quello appena passato e per farlo, meglio affidarsi a specialisti del settore, come Ray Lian, analista di NPD Solarbuzz e responsabile del settore marketing e ricerca per il fotovoltaico asiatico.

Per accogliere al meglio le novità del fotovoltaico per il 2014, meglio dare prima uno sguardo agli impianti che hanno fatto la storia del 2013

(Per accogliere al meglio le novità del fotovoltaico per il 2014, meglio dare prima uno sguardo agli impianti che hanno fatto la storia del 2013)

Prima di cominciare, una precisazione: la classifica è stata stilata sulla base dei MW effettivamente prodotti e si tratta di un piccolo anticipo di una più lunga e articolata Top 20 che verrà pubblicata alla fine di gennaio su Module Tracker Quarterly, la rivista di Solarbuzz. Rispetto al 1012, poche cose sono cambiate: otto delle prime 10 aziende erano, infatti, presenti in classifica l'anno precedente.

Alla postazione numero 10, troviamo la JA Solar (che perde tre posizioni dal 2012), una delle più grandi produttrici al mondo di celle solari monocristalline (progettate e prodotte per lo più in Cina).

Alla numero 9, sale di ben cinque posizioni la multinazionale giapponese Kyocera, parte di un gruppo che spazia dai prodotti elettronici alla ceramica e responsabile della realizzazione del mega-impianto fotovoltaico di Kagoshima (in Giappone).

Alla posizione 8, un'altra cinese, la Hanwha SolarOne, anche questa in salita di due posizioni.

Al 7, troviamo l'americana First Solar che, tra l'altro, ha appena terminato (in tempi da record) la costruzione di un mega-impianto fotovoltaico a Dubai.

Al 6 posto, la cinese ReneSola che scala ben sette posizioni rispetto al 2012.

Il mega-impianto fotovoltaico di Kyocera, nella parte meridionale dell'isola di Kagoshima, in Giappone

(Il mega-impianto fotovoltaico di Kyocera, nella parte meridionale dell'isola di Kagoshima, in Giappone)

Ed eccoci arrivati alla parte alta della classifica, dove troviamo le più gradite sorprese in quanto a new entries.

La posizione numero 5 è occupata da un'altra cinese, la Jinko Solar.

Alla 4, compare la prima nuova entrata: la Canadian Solar. All'azienda canadese, va, tra l'altro, il merito di importanti donazioni a favore di centri che si dedicano allo studio e alla salvaguardia dell'ambiente.

Al 3 posto, dopo aver scalato di tre posti la classifica, troviamo la giapponese Sharp Solar, produttrice di moduli a film sottile e di celle in silicio mono e pluri-cristallino.

Al numero 2, la cinese Trina Solar (fondata nel 1997) sale di appena un posto rispetto al 2012, ma continua, comunque, a occupare una posizione evidentemente di tutto rispetto.

Alla posizione numero 1, compare la più alta nuova entrata: la cinese Yingli Green Energy

Tra i programmi ambientali sovvenzionati dalla Canadian Solar, anche uno a favore delle orche, l'OrcaLab

(Tra i programmi ambientali sovvenzionati dalla Canadian Solar, anche uno a favore delle orche, l'OrcaLab)

Se questa è la classifica, a questo punto cerchiamo di tirarne un po' le somme.

Il dato che più balza agli occhi è, senz'altro, l'assoluto predominio della Cina: ben sei posizioni (tra cui la prima) sono occupate dalle grandi aziende del fotovoltaico cinese; una è canadese, uno americana e, infine, due giapponesi. 

La presenza del colosso giapponese Kyocera merita, tra l'altro, un occhio di riguardo, come ulteriore prova dell'impegno del Giappone a dirottare il proprio mercato energetico verso il settore delle rinnovabili, a seguito del grave disastro nucleare di Fukushima Daiishi. Sono state, infatti, soprattutto richieste interne a far balzare Kyocera all'interno della classifica.

Cosa ci riserverà il 2014? Se tutti ci auguriamo che il settore del fotovoltaico continui a sorprenderci (a livello tanto di nuove tecnologie quanto di diffusione), un'ipotesi tutt'altro che azzardata può essere fatta e riguarda la cinese Trina Solar. Sicuramente, dobbiamo, infatti, aspettarci una sua crescita continua. Nell'anno appena trascorso, Trina Solar è diventata la seconda produttrice mondiale di moduli fotovoltaici (la sua produzione è salita di più del 60 % rispetto al 2012) e non ci sono dubbi che contenderà alla connazionale Yingli Green Energy il primato della classifica.

AutoreDott.ssa Morena Deriu

Articolo letto 865 volte



Visualizza l'elenco dei principali articoli