Fotovoltaico: detrazioni prorogate al 31 dicembre 2014

Buone notizie per chi nel 2014 si convertirà al fotovoltaico. Sono state infatti confermate dalla legge di stabilità per il 2014 e prorogate fino al 31 dicembre le detrazioni Irpef del 50%. Con una previsione di interventi di 27,3 miliardi di euro nel triennio 2014-2016, dei quali circa 11,6 per l'anno in corso. Una proroga che va anche in direzione dell'ambiente considerato che le riduzioni trovano applicazione anche per le ristrutturazioni e tutti quei lavori legati al risparmio energetico. 

pannello solare domestico

(Pannello solare ad uso domestico)

Le tipologie di detrazione 

Al 50%. La detrazione del 50% come indicato dalla risoluzione N.22/E dell'Agenzia delle Entrate è destinata all'installazione del fotovoltaico destinato alle abitazioni private e ristretto nel limiti di 20 Kw di potenza. Stessa percentuale anche per l'acquisto di arredamento e di elettrodomestici ma solo se inseriti nel quadro di lavori di ristrutturazione della propria abitazione. Il che significa che se si compra un mobile lo si paga al 100% ma se invece il mobile lo si compra e lo si accompagna magari alla ritinteggiatura di una stanza le spese possono essere ridotte del 50%. Il tutto per un massimo di 96mila euro. Per mobili ed elettrodomestici da detrazione dovrà essere considerata e calcolata su una somma non superiore ai 10mila euro. Detrazioni queste due che verranno poi ripartire in 10 parti uguali da scalare via via nei 10 anni successivi. Chi può richiederla? Non solo i proprietari degli immobili ma anche gli affittuari. Nello dettaglio: il proprietario, il titolare di un diritto reale di godimento, l'inquilino, i soci di coop divise e indivise, i soci di società semplici, gli imprenditori individuali solo per gli immobili che non rientrano nella classificazione di "strumentale" o "merce". 

Al 65%. Differente è il discorso per quel che riguarda la detrazione del 65% il cosiddetto "ecobonus" che si rivolge a quegli interventi per il risparmio energetico degli edifici e che sono distinti dalle ristrutturazione. Infatti questi prevedono il rifacimento dei serramenti, l'isolamento termico, l'installazione di caldaie a condensazione, pannelli solari termici e via dicendo. Analizzando quindi le caratteristiche delle due percentuali è evidente come il fotovoltaico sia incluso in quelle al 50%. Dal 2015 in poi la detrazione gradualmente verrà ridotta di anno di anno passando primo al 40% 4 poi al 36%. 

Come richiedere la detrazione?


Per richiedere la detrazione fiscale è sufficiente che nella dichiarazione dei redditi siano indicati i dati catastali dell'immobile, da chi siano stati effettuati i lavori, gli estremi di registrazione dell'atto e gli altri dati richiesti per la verifica della detrazione (dati dell'accatastamento, ricevute Ici, delibera assembleare di approvazione dei lavori, dichiarazione di consenso del possessore dell'immobile), il pagamento tramite bonifico bancario o postale dal quale risultino oltre alla causale del versamento anche il codice fiscale di chi paga, il codice fiscale o la p.iva del beneficiario.

pannello solare ad uso domestico

(Detrazioni al 50% per chi inserisce i pannelli nell'ambito di una ristrutturazione)

Autore Marta Aloisi


Visualizza l'elenco dei principali articoli