EuroSolar 2014: i progetti premiati a Roma

Sono stati assegnati il 24 novembre a Roma, presso la Casa dell'Architettura, i premi "Eurosolar 2014", competizione organizzata da Eurosolar e Eurosolar Italia in collaborazione con il Dipse Dipartimento progetto sostenibile ed efficienza energetica e al Dipartimento rigenerazione urbana dell'Ordine degli Architetti PPC di Roma e Provincia. Il premio, giunto alla sua ventunesima edizione, è dedicato dal 1994 al riconoscimento di amministrazioni comunali, imprese, tecnici e organizzazioni in grado di offrire servizi per la progettazione e la realizzazione di tecnologie innovative nel settore delle energie rinnovabili, ed ha visto trionfare 10 progetti. Il primo premio nella categoria riservata a imprese industriali e commerciali è andato a Enel Green Power, grazie ad un'innovativa tecnologia per ricavare energia dal moto delle onde marine. La macchina R115, dotata di una capacità di 150 kW, è stata realizzata da Enel Green Power in collaborazione con 40South Energy.

Nella sezione italiana, la categoria riservata ad architettura, urbanistica e costruzioni ha visto trionfare il complesso Nzeb (Nearly Zero Energy Building) urban planning Terra Cielo di Niccolò Aste e Claudio Delpero, un edificio autosufficiente a basso impatto che utilizza l'energia geotermica e fotovoltaica allo scopo di azzerare le emissioni di CO2. La categoria dedicata ad associazioni, imprese industriali, università e ricerca ha visto invece la vittoria di Pyramid lab k2 Nepal di Ardito Desio, un centro di ricerca sui cambiamenti climatici situato a oltre 5mila metri di altitudine sul monte Everest in Nepal.

Eurosolar 2014 ha premiato Enel Green Power nella categoria riservata alle imprese industriali e commerciali

(Enel Green Power trionfa all'Eurosolar 2014 nella categoria riservata alle imprese industriali e commerciali grazie alla macchina marina R115 )

Il premio nella categoria trasporti e mobilità è stato appannaggio della Svizzera grazie al camion elettrico della Coop, alimentato da un impianto fotovoltaico; gli elvetici hanno trionfato anche nella sezione riservata a imprese industriali e commerciali, con l'edificio completamente autosufficiente dell'industria Flumroc Ag. Anche la Germania ha ricevuto un duplice riconoscimento: nella categoria dedicata alle amministrazioni locali o regionali è stata infatti premiata l'Energy landscape di Hollich, una zona rurale in grado di raggiungere l'autosufficienza energetica grazie alle fonti rinnovabili, mentre in quella riservata ad architettura, costruzioni e urbanistica il primo premio è andato all'edificio passivo "Hof8" della Klärle Gmbh, un fattoria storica restaurata e recuperata seguendo i criteri della bioedilizia.

Nella categoria dedicata alla cooperazione il premio è andato a Radio Pacis, una stazione radio attiva in Uganda alimentata da un impianto fotovoltaico collegato alla rete elettrica pubblica. La categoria riservata alle amministrazioni pubbliche ha visto premiata la città di Sidney per il suo Master Plan "Sustainable Sidney 2030", un piano realizzato con la collaborazione dei cittadini che punta a trasformare la metropoli in una città a zero emissioni.

"Il tema che si affronta oggi " - ha sottolineato Ermete Realacci, presidente della commissione ambiente della Camera - "è la risposta alla crisi. Non usciremo dalla crisi se non cambiamo. Troppi pensano che si possa ripartire ricominciando da dove ci siamo fermati, ma dalla crisi si esce cambiando. L'innovazione è il tema di come rilanciare l'economia e l'occupazione". E' intervenuta anche Silvia Costa, europarlamentare e presidente della commissione cultura ed educazione, che ha dichiarato:"Oggi le nostre città, e le periferie in modo particolare, richiamano con assoluta urgenza a nuovi investimenti, in termini di risorse ma anche di idee, progetti e soluzioni innovative".

AutoreDott. Andrea D'Ammando

Articolo letto 303 volte



Visualizza l'elenco dei principali articoli