Come ottenere energia rinnovabile dalla birra: una cittadina inglese si riscalda grazie a questo tipo di energia

Anche dalla birra si può ottenere energia rinnovabile. Gli scarti della lavorazione dell'amata bevanda infatti, possono essere trasformati in biogas.

Questo è quello che succede da qualche anno nella cittadina inglese di Southwold, nella contea di Suffolk nell'Inghilterra orientale, dove circa 235 abitazioni vengono riscaldate ecologicamente grazie all'energia prodotta attraveso la raffinazione degli scarti della lavorazione della birra.

Vediamo di cosa si tratta.

Energia rinnovabile dalla birra

Dal 2010 il gas prodotto dai rifiuti del birrificio Adnams di Southwold viene immesso nella rete nazionale al fine della generazione di 4,8 milioni di chilowattora annuali funzionali al riscaldamento di ben 235 abitazioni cittadine.

Ciò è reso possibile grazie a un innovativo impianto costituito da tre digestori finalizzati alla produzione energetica attraverso un processo completamente biologico e naturale, in cui i residui e gli scarti della lavorazione della birra vengono trasformati in biogas mediante un processo di digestione anaerobica del metano dal malto di orzo.

I resti dell'orzo, vengono utilizzati come fertilizzante per terreni agricoli la coltivare dello stesso orzo di cui è fatta la birra Adnams.

L'impianto è inoltre in grado di utilizzare i rifiuti alimentari provenienti dalle grandi e piccole aziende locali, tra cui gli avanzi di sette supermercati della zona, evitando che questi finiscano nelle discariche per un abbattimento totale di 12.500 tonnellate di rifiuti organici all'anno il risparmio di circa 50.000 tonnellate di CO2.

Un bell'esempio di cooperatività nel riunire la comunità per affrontare il cambiamento climatico.

Il birrificio Adnams

(Lo stabilimento Adnams all'interno della contea di Suffolk)

I benefici dell'impianto di Southwold

L'impianto di Southwold, utilizzando scarti di birra e rifiuti alimentari per generare biometano, è artefice di un importante contributo alla decarbonizzazione della rete del gas cittadina, fornendo calore rinnovabile e pulito alle famiglie, impedendo il rilascio di emissioni altamente inquinanti in atmosfera, favorendo la riduzione delle emissioni di carbonio nella regione e la produzione di energia rinnovabile.

Questo progetto dimostra come le comunità locali possono contribuire a un cambiamento di prospettiva verso un futuro energetico a basse emissioni di carbonio utilizzando i rifiuti, che altrimenti finirebbero in discarica, per la produzione di gas da fonti rinnovabili con un vantaggio reciproco per l'ambiente, per la case e per le imprese.

AutoreDott.ssa Elisabetta Berra

Articolo letto 852 volte



Visualizza l'elenco dei principali articoli