Ecorobot per pulire i pannelli solari in Israele

Ecorobot per pulire i pannelli solari in Israele

Proprio per il loro posizionamento all'esterno di edifici o in zone aperte, i pannelli solari sono soggetti a deterioramento dovuto a sporcizia, detriti, sabbia, polvere ed agenti atmosferici vari. L'azione di queste particelle sui pannelli potrebbe ridurne l'efficacia sino a un 30%, per cui è necessario che le aziende impegnate sul mercato delle rinnovabili approntino sistemi validi per la pulizia dei loro impianti.

Un esperimento innovativo in tal senso è stato fatto in Israele, presso il parco fotovoltaico di Ketura Sun, in cui sono stati installati nuovi ecorobot per la pulizia dei pannelli, forniti dall'azienda Ecoppia.

I precedenti

L'idea di ricorrere a robot per la pulizia dei pannelli solari nasce già agli inizi del 2014 in diversi paesi, ma in forme differenti: se in America a sviluppare questo metodo è la Greenbotics, azienda specializzata in robot per la pulizia di parchi fotovoltaici, acquistata dalla Sun Power di recente, in Italia se ne occupa la Automation Technology con la messa a punto del robot Assem1 AT1, per finire con la Svizzera in cui la società Serbot AG ha implementato il sistema denominato Gekko Solar. In tutti questi casi parliamo di robot dotati di spazzole, ventose, telecomandati o dotati di motori, affiancati a squadre di umani o autonomi, che però nella maggior parte dei casi fanno ricorso ad acqua, seppur in minima quantità, per cui il sistema di pulizia registra un dispendio di energia superiore e quindi un aggravio dei costi, per quanto questi sistemi costituiscano già un passo avanti rispetto al passato.

I robot ecologici della Ecoppia permettono di pulire i pannelli solari ogni giorni eliminando il 99% di sabbia e polvere

(I robot ecologici Ecoppia permettono di pulire i pannelli solari ogni giorni eliminando il 99% di sabbia e polvere)

Come funzionano gli ecorobot Ecoppia?

La principale novità nel campo della pulitura dei pannelli fotovoltaici viene dunque stavolta da Israele e in particolare dall'azienda Ecoppia, fondata nel 2013, dedita nello specifico all'implementazione di un sistema innovativo basato su robot ecologici in grado di valorizzare la resa energetica dei pannelli alla base dei parchi fotovoltaici. Ecoppia ha tenuto in considerazione soprattutto le caratteristiche atmosferiche di una zona come quella israeliana in cui l'acqua scarseggia, le zone desertiche sono molte e quindi sabbia e polveri infestano con insistenza i parchi.

La novità di questo sistema, chiamato Ecoppia E4, sta nella sua assoluta ecosostenibilità e dunque soprattutto nel fatto che la pulizia non si avvale di acqua, riducendo l'impatto ambientale di queste tecnologie di solito applicate ai pannelli ma non armoniche rispetto ad essi e alla loro funzione.

I robot Ecoppia E4 permettono ai pannelli solari di essere puliti per tutto l'anno, ogni giorno, con un tasso di riduzione della presenza di polvere del 99%. Il sistema si basa su una struttura agganciata ai pannelli che consente al robot di scorrere lungo di essi, utilizzando una spazzola in microfibra morbida, rotante, che elimina le impurità senza ricorrere neanche ad una goccia d'acqua. La spazzola è poi supportata da un getto d'aria continuo, controllato a distanza, che contribuisce anch'esso a portare via polvere e sabbia. In generale i robot sono monitorati e in parte gestiti in remoto, tramite un sistema automatizzato ad alta tecnologia.

L'impianto poi si autoalimenta tramite la stessa energia dei pannelli solari, perché ciascun robot ne è dotato e quindi si muove senza bisogno di essere alimentato da motori.

I vantaggi principali degli Ecoppia E4 potrebbero essere dunque riassunti così:

  • alte prestazioni giornaliere ed annuali
  • sistema biodegradabile ed ecosostenibile che non ricorre all'utilizzo di acqua
  • robot autonomi a livello di alimentazione energetica e autopulenti

Gi ecorobot sono dotati di spazzole in microfibra e sono accompagnati da un getto d'aria continuo

(Gli ecorobot sono dotati di spazzole in microfibra e sono accompagnati da un getto d'aria continuo)

Ecco un ecorobot Ecoppia E4 in azione su un pannello solare:

 

Gli Ecoppia E4 nel parco fotovoltaico di Ketura Sun

Gli Ecoppia E4 sono stati utilizzati per il parco fotovoltaico di Ketura Sun, in Israele, nella zona a sud del Deserto del Negev tra il Golfo di Aqaba e il Mar Morto, un territorio molto caldo, arido, soggetto spesso a tempeste di sabbia. Il Ketura Sun rappresenta il primo parco fotovoltaico commerciale del Medio Oriente, costruito nel 2011 dalla Arava Power Company, che si estende per circa 8 ettari ed è dotato di 18,500 pannelli solari che producono circa 9 milioni KWh di elettricità all'anno.

A causa delle avverse condizioni atmosferiche, l'Arava Power ha dovuto studiare una soluzione per la pulitura annuale del parco di Ketura Sun: se prima l'impianto veniva trattato solo 10 volte l'anno, grazie alla pulitura manuale di una squadra mandata sul campo per circa cinque giorni lavorativi, con una conseguente riduzione dell'efficienza del parco fotovoltaico, ora con gli Ecoppia E4 i pannelli vengono puliti ogni giorno, di notte, in modo da assicurare una resa energetica maggiore durante il giorno. Ci sono voluti tre mesi per montare 100 ecorobot sull'impianto. Da quel momento in poi il Ketura Sun non ha più risentito dei cambi atmosferici, l'Arava Power ha risparmiato in manodopera e ha diminuito il dispendio energetico delle precedenti operazioni di pulitura.

Jon Cohen, CEO dell'Arava Power, ha spiegato così la scelta degli ecorobot Ecoppia: "Abbiamo svolto ricerche globali per trovare soluzioni di pulitura che potessero essere adatte alle dure condizioni atmosferiche dei nostri parchi fotovoltaici. Solo Ecoppia ha dimostrato di poter dare un vantaggio considerevole in termini di produzione energetica, sulla base di un modello di business accattivante".

Il parco fotovoltaico di Ketura Sun in Israele

(Il parco fotovoltaico di Ketura Sun in Israele)

AutoreDott.ssa Irene Armaro

Articolo letto 1.716 volte



Visualizza l'elenco dei principali articoli