Detrazioni fiscali per l'installazione di pannelli solari

Se con l'approssimarsi della stagione fredda state pensando con orrore alle bollette che vi arriveranno dopo l'accensione del riscaldamento, forse dovreste valutare l'idea di investire sul risparmio energetico, specialmente a fronte della riconferma - per tutto il 2014 - del pacchetto degli incentivi previsti dal Governo per la riqualificazione energetica degli edifici. A questo proposito l'installazione di pannelli solari.

Operaio che posiziona i pannelli solari su un tetto
(Posizionamento dei pannelli solari)

In cosa consiste l'agevolazione fiscale

Si tratta di detrazioni che incidono sull'Irpef (Imposta sul reddito delle persone fisiche) oppure sull'Ires (Imposta sul reddito delle società): essa viene accorsata a chi interviene per il miglioramento del livello di efficienza energetica della propria abitazione. Tra gli interventi che vi permetteranno di ottenere la detrazione c'è anche l'installazione dei pannelli solari, che oltre a darvi un beneficio di tipo economico immediato vi permetteranno di produrre energia pulita e vi porteranno un notevole risparmio in bolletta. Oltre all'installazione dei pannelli solari, la detrazione è concessa in caso di: riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento; miglioramento termico dell'edificio (coibentazioni - pavimenti - finestre, comprensive di infissi), sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale.

utente che compila la dichiarazione dei redditi

Come fruire della detrazione

Sul sito dell'agenzia delle entrate, vengono elargite dettagliate informazioni su come fruire delle detrazioni. Condizione indispensabile per fruire della detrazione è che gli interventi siano eseguiti su unità immobiliari e su edifici residenziali esistenti, di qualunque categoria catastale, anche se rurali, compresi quelli strumentali (per l'attività d'impresa o professionale).
"La detrazione d'imposta del 55% (65%) non è cumulabile con altre agevolazioni fiscali previste per i medesimi interventi da altre disposizioni di legge nazionali (quale, per esempio, la detrazione del 36 o del 50% per il recupero del patrimonio edilizio)" - si legge nel sito dell'Agenzia delle Entrate. "Se gli interventi realizzati rientrano sia nelle agevolazioni previste per il risparmio energetico sia in quelle previste per le ristrutturazioni edilizie, si potrà fruire, per le medesime spese, soltanto dell'uno o dell'altro beneficio fiscale, rispettando gli adempimenti previsti per l'agevolazione prescelta".

Operaio al lavoro per la posa di pannelli solari su un tetto

 La detrazione per l'installazione di pannelli fotovoltaici

Per installare pannelli fotovoltaici potrete accedere a una detrazione fiscale per un importo massimo pari a 60.000 euro.
In questa tipologia di interventi troviamo: l'installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda per usi domestici o industriali e per la copertura del fabbisogno di acqua calda in piscine, strutture sportive, case di ricovero e cura, istituti scolastici e università. "I fabbisogni soddisfatti con l'impianto di produzione di acqua calda possono riguardare non soltanto la sfera domestica o le esigenze produttive ma, più in generale, l'ambito commerciale, ricreativo o socio assistenziale" spiegano ancora nel sito.

In sostanza, quindi, possono accedere alla detrazione tutte le strutture che svolgono attività e servizi in cui è richiesta la produzione di acqua calda
"Per la certificazione dell'intervento, in questo caso è richiesto un termine minimo di garanzia (fissato in cinque anni per i pannelli e i bollitori e in due anni per gli accessori e i componenti tecnici). E' inoltre necessario che i pannelli siano conformi alle norme UNI EN 12975 o UNI EN 12976, certificati da un organismo di un Paese dell'Unione Europea e della Svizzera" si legge nel documento dell'Agenzia".

Ricordiamo che per usufruire della detrazione è necessario che l'installazione dei pannelli solari sia realizzata su edifici esistenti. Per le spese effettuate dal 1° gennaio 2008 non occorre più presentare l'attestato di certificazione (o qualificazione) energetica.
"Teniamo inoltre presente che, sulla base delle indicazioni tecniche fornite dall'Enea, sono assimilabili ai pannelli solari i sistemi termodinamici a concentrazione solare utilizzati per la sola produzione di acqua calda. Pertanto, le spese sostenute per la loro installazione sono ammesse in detrazione" spiega l'Agenzia delle Entrate. "Se, invece, si installa un sistema termodinamico finalizzato alla produzione combinata di energia elettrica e di energia termica, possono essere oggetto di detrazione solo le spese sostenute per la parte riferibile alla produzione di energia termica. In questi casi, la quota di spesa detraibile può essere determinata in misura percentuale sulla base del rapporto tra l'energia termica prodotta e quella complessivamente sviluppata dall'impianto (risoluzione dell'Agenzia delle Entrate del 7 febbraio 2011, n. 12/E)".

Tipologia di spesa

Le spese che possono essere detratte comprendono: i costi per i lavori edili che riguardano l'intervento di risparmio energetico: l costi sostenuti per le prestazioni professionali legate all'intervento stesso. L'agenzia delle Entrate spiega come.

"L'agevolazione fiscale consiste, nello specifico, in una detrazione dall'imposta lorda, che può essere fatta valere sia sull'Irpef che sull'Ires, in misura pari al 55 o 65% delle spese sostenute. Per gli interventi effettuati a partire dal 2011 è obbligatorio suddividere questa detrazione in dieci rate annuali di pari importo.
Il limite massimo di risparmio ottenibile con la detrazione (100.000, 60.000 e 30.000 euro, a seconda del tipo di intervento) va riferito all'unità immobiliare oggetto dell'intervento stesso. Pertanto, va suddiviso tra i soggetti detentori o possessori dell'immobile che partecipano alla spesa, in ragione dell'onere effettivamente sostenuto da ciascuno.
Se sono stati realizzati più interventi di risparmio energetico agevolabili, il limite massimo di detrazione applicabile sarà costituito dalla somma degli importi previsti per ciascuno degli interventi realizzati.
Così, ad esempio, se sono stati installati dei pannelli solari, per i quali è previsto un importo massimo di detrazione di 60.000 euro, e sostituito l'impianto di climatizzazione invernale, per il quale la detrazione massima applicabile è di 30.000 euro, sarà possibile usufruire della detrazione massima di 90.000 euro".

Documentazione

Per beneficiare dell'agevolazione fiscale - spiega l'Agenzia delle Entrate - è necessario acquisire i seguenti documenti: l'asseverazione, che consente di dimostrare che l'intervento realizzato è conforme ai requisiti tecnici richiesti; l'attestato di certificazione (o qualificazione) energetica, che comprende i dati relativi all'efficienza energetica propri dell'edificio; la scheda informativa relativa agli interventi realizzati, redatta secondo lo schema riportato nell'allegato E del decreto attuativo o allegato F, se l'intervento riguarda la sostituzione di finestre comprensive di infissi in singole unità immobiliari o l'installazione di pannelli solari.

Per quanto riguarda l'asseverazione, ricordiamo che per i pannelli solari essa deve certificare il rispetto dei seguenti requisiti: che i pannelli solari e i bollitori impiegati sono garantiti per almeno cinque anni; che gli accessori e i componenti elettrici ed elettronici sono garantiti per almeno due anni; che i pannelli solari hanno apposita certificazione di conformità alle norme UNI EN 12975 o UNI EN 12976, certificati da un organismo di un Paese dell'Unione Europea e della Svizzera; che l'installazione degli impianti è stata eseguita in conformità ai manuali d'installazione dei principali componenti" spiega ancora l'Agenzia delle Entrate. "Per i pannelli solari realizzati in autocostruzione può essere prodotto l'attestato di partecipazione ad uno specifico corso di formazione da parte del soggetto beneficiario. In base alle nuove disposizioni introdotte dal D.M. 6 agosto 2009, l'asseverazione può essere: sostituita dalla dichiarazione resa dal direttore dei lavori sulla conformità al progetto delle opere realizzate; esplicitata nella relazione attestante la rispondenza alle prescrizioni per il contenimento del consumo di energia degli edifici e relativi impianti termici".

Autore Laura Bosio


Visualizza l'elenco dei principali articoli