Dai giovani si attendono geniali idee green

Nasce il Premio sulla "bellezza dei nostri tesori paesaggistici". Si chiama: "Scuole che producono sterminata bellezza". A che cosa punta? Il concorso è rivolto agli istituti scolastici italiani e nasce con l'obiettivo di andare a valorizzare tutti quei progetti partoriti dagli studenti ed ideati con lo scopo di tutelare la bellezza dei luoghi, rendendoli in questo modo, altamente sostenibili.

A promuovere il premio è l'associazione "Legambiente", in collaborazione con "Comieco", "Symbola" ed il Consiglio nazionale degli architetti ed insieme al sostegno di "Castalia". Madrina d'eccezione dell'evento è l'attrice Maria Grazia Cucinotta. Le scuole fanno un forte fronte comune per contrastare il degrado del territorio a cui siamo purtroppo sempre più abituati, e scelgono di portare avanti e diffondere stili di vita sostenibili.

premio rivolto all'abilità dei giovani

(La bellezza e a ricchezza dei nostri territori in un premio rivolto ai giovani dal titolo: "Scuole che producono sterminata bellezza").

Lo sa bene Vanessa Pallucchi, responsabile di "Legambiente Scuola e Formazione", che ha affermato: "La bellezza è da intendere come impegno da parte delle scuole per la qualità della convivenza, degli ambienti e del territorio. L'Italia vive una crisi etica ed educativa che vede le scuole e la loro capacità di sperimentare e produrre bellezza, al centro della rinascita di una cittadinanza più consapevole e responsabile". Con questo concorso si fa appello alla fantasia ed al senso di responsabilità dei giovanissimi.

I punti principali che verranno considerati e dunque premiati? Innovatività dei processi; protagonismo e partecipazione consapevole di tutti i soggetti che compongono la comunità scolastica; capacità di dare risposte positive a problemi complessi; ricadute educative, ambientali e sociali; riproducibilità dell'esperienza. Il nostro futuro? Guarda alla rinascita.

Rigenerare e far nascere di nuovo il nostro territorio, questa volta rispettandolo come non mai.

Spazio a processi innovativi per il miglioramento del contesto educativo, sociale ed ambientale. Per quanto riguarda la presentazione del Premio si legge: "Il bando si rivolge alle scuole in quanto laboratori permanenti di bellezza, di cambiamento e di investimento sul futuro del nostro Paese. Una fucina di valori, conoscenza, creatività e valorizzazione di talenti che permette di radicare e riprodurre processi innovativi ed originali che vanno conosciuti e diffusi".

A valutare i progetti presentati dalle diverse scuole in campo, sarà un Comitato scientifico, formato da rappresentanti delle organizzazioni promotrici e da esperti del mondo della scuola e del volontariato.

AutoreDott.ssa Mariagrazia Poggiagliolmi

Articolo letto 457 volte



Visualizza l'elenco dei principali articoli