Cucce fotovoltaiche per i randagi di Santo Domingo

Con una popolazione di circa due milioni e novecentomila abitanti, Santo Domingo è l'insediamento europeo più antico a essere stato costruito nel Nuovo mondo (la sua fondazione risale, infatti, al 1496). Tra i tanti problemi che questa grande città (che si estende su ben 104, 4 Km2 di superficie) si trova ad affrontare, ne esiste uno comune a molti altri piccoli e grandi centri: quello del randagismo. Nella capitale della Repubblica Dominicana, si è deciso di dare una svolta ecosostenibile al problema o, meglio, alla sua risoluzione: allestire un rifugio con cucce ricavate da materiali riciclati con tetto fotovoltaico.

Santo Domingo è il più antico insediamento europeo in America

(Santo Domingo è il più antico insediamento europeo in America)

Il rifugio si chiama Ghetto2Garden, si trova nel ghetto di Santo Domingo e vanta tra i suoi ospiti un totale di 60 randagi (50 cani e 10 gatti), tutti con bassa probabilità di adozione a causa di deformazione e malattie anche allo stadio terminale. Da qualche mese, però, per 46 di loro (6 gatti e 40 cani) sono disponibili dei rifugi sostenibili, illuminati e riscaldati grazie all'apporto dell'energia solare. Gli studenti del gruppo Colectivo ReVark (che si occupa, appunto, di costruzioni sostenibili) hanno, infatti, progettato un rifugio le cui cucce sono ricavate da cubi precedentemente utilizzati per il trasporto di materiali liquidi e che, per le loro caratteristiche, risultano difficilmente riciclabili.

La copertura di ogni cuccia è stata poi dotata di pannelli solari di dimensioni leggermente superiori alla copertura stessa; in questo modo, i loro ospiti potranno anche usufruire di una piccola zona d'ombra esterna e, intanto, contribuire ignaramente alla riduzione delle emissioni di CO2 nell'atmosfera, in quanto inquilini di un rifugio realizzato secondo le regole dell'edilizia sostenibile. Ogni cuccia produce, infatti, 200 W di energia con cui illuminarla (per circa tre ore continue durante la notte) e riscaldare l'acqua, grazie, appunto, alla presenza del modulo fotovoltaico.

Ghetto2Garden, il rifugio sostenibile per cani e gatti randagi a Santo Domingo

(Ghetto2Garden, il rifugio sostenibile per cani e gatti randagi a Santo Domingo)

La stessa energia è, inoltre, in grado di garantire l'alimentazione elettrica di un frigorifero (dove conservare i vaccini per gli animali) e la carica per telefoni cellulari e laptop, indispensabili per garantire il massimo dell'operatività ai suoi operatori.

Infine, oltre a una storia di sostenibilità ambientale, il Ghetto2Garden ne racconta anche una di solidarietà. La realizzazione di questo rifugio sostenibile è, infatti, stata possibile anche grazie a una raccolta fondi su Indiegogo.com. Cominciata il 24 luglio del 2012 e conclusasi il 22 settembre dello stesso anno, la campagna ha, infatti, permesso la raccolta di 3,451 dollari, andati a finanziare la realizzazione dell'intero rifugio, terminata nel corso del 2013.

AutoreDott.ssa Morena Deriu

Articolo letto 794 volte



Visualizza l'elenco dei principali articoli