Come risparmiare con le agevolazioni fiscali 2013: quale impianto da fonte rinnovabile scegliere tra informazioni e confronti sulla detrazione 55%

Con il decreto Salva Italia, legge 6 dicembre 2011 n. 201, ci si è guadagnati la proroga per tutto il 2013 delle agevolazioni fiscali per aumentare il risparmio energetico nelle abitazioni, sostituendoli con la detrazione fiscale del 55%, permettendo a tutti coloro che fino al 31 dicembre 2012 eseguiranno degli interventi per incrementare il risparmio  l'efficienza energetica nella propria casa di  godere di una detrazione d'imposta per un tetto di spesa massima di 60.000 euro.

Per risparmiare con l'ottenimento delle agevolazioni fiscali è, innanzitutto necessario individuare l'impianto da fonti rinnovabili da installare nella propria abitazione, considerando che sia la tipologia di pannelli solari fotovoltaici che la tipologia di pannelli solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria sono legati a determinati requisiti, senza i quali si rimane esclusi dall'ottenimento delle tariffe.

Gli impianti fotovoltaici da scegliere e le agevolazioni fiscali

In linea generale si può schematizzare nel seguente modo, considerando che i pannelli solari devono obbligatoriamente avere:

  • un termine di garanzia di cinque anni;
  • essere conformi alle norme UNI EN 12975 o UNI EN 12976 e, dunque, prodotti certificati da un organismo di un Paese dell'Unione Europea e della Svizzera.

E' necessario anche considerare che la scelta dell'agevolazione della detrazione del 55% non è cumulabile con altre agevolazioni, per cui non è possibile fruire della tariffa incentivante. Ciò significa anche che non fruendo della tariffa incentivante non sarà possibile vendere l'energia autoprodotta e non auto consumata.

Il solare termodinamico: agevolazioni fiscali

Un'altra soluzione maggiormente ricercata, ma ancora poco conosciuta è l'installazione di un impianto di solare termodinamico per la produzione di energia elettrica e fruendo della detrazione 55%, ma attenzione, questa tipologia di incentivazione prevede solo il recupero delle spese sostenute per la produzione di energia termica, i cui interventi non possono superare il tetto massimo di 30.000 euro.

Nonostante ciò, l'installazione di un sistema solare termodinamico si presenta come una soluzione ottimale per incrementare l'efficienza energetica della vostra abitazione e per risparmiare contemporaneamente sia nella produzione di energia elettrica e termica, in quanto la detrazione fiscale 55% comprende:  

  • l'acquisto del sistema solare termodinamico;
  • la copertura di tutte le spese sostenute per studio di fattibilità, progettazione, installazione etc.
  • le spese di fornitura e messa in esercizio dell'impianto;
  • gli interventi idraulici e murari per l'installazione dell'impianto.

Interventi di sostituzione,  integrale o parziale, di impianti per la climatizzazione invernale

Negli interventi di sostituzione, integrale o parziale, dei vecchi impianti per la climatizzazione invernale con sistemi di elevata efficienza energetica come la tipologia di caldaia a condensazione è possibile fruire della detrazione 55% solo se si sostituiscono gli impianti preesistenti. Quindi, se nella vostra casa non vi era un impianto di climatizzazione invernale, non è possibile fruire di questa tipologia di incentivi.

Infatti negli interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale preesistenti nella vostra abitazione, con l'installazione di impianti dotati di tecnologie innovative come le caldaie a condensazione di cui abbiamo parlato sopra e gli interventi di messa a punto del sistema di distribuzione, ma anche nel caso di installazione di impianti geotermici a bassa entalpia, la detrazione 55% comprende: la trasformazione degli impianti autonomi in impianti di climatizzazione invernale centralizzati, con sistema di contabilizzazione del calore; interventi di trasformazione dell'impianto centralizzato per applicare il sistema di contabilizzazione del calore.

Dall'agevolazione fiscale 55% sono esclusi gli interventi di trasformazione di impianti di climatizzazione invernale dalla tipologia centralizzata a quella individuale o autonoma.

Per aumentare il risparmio energetico con le agevolazioni fiscali

Per ottenere un maggiore risparmio energetico nell'installazione di pannelli fotovoltaici e solari è necessario sapere che la detrazione viene ripartita in dieci rate annuali in base a determinati requisiti:

  • la detrazione dall'imposta lorda può essere richiesta sull'Irpef o sull'Ires, in misura del 55% per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2012;
  • i contribuenti non titolari di reddito d'impresa possono detrarre le spese per le quali il pagamento sia stato effettuato tramite bonifico bancario o postale entro il 31 dicembre 2011;
  • i contribuenti titolari di reddito d'impresa con interventi effettuati nell'esercizio dell'attività commerciale possono detrarre le spese fino al 31 dicembre 2011;

I documenti da produrre per ottenere le agevolazioni fiscali: il documento di asseverazione e l'attestato di certificazione energetica

Per ottenere l'agevolazione fiscale sugli interventi effettuati atti a migliorare l'efficienza energetica della propria abitazione è necessario produrre:

  • il documento di asseverazione che dimostra la conformità dell'intervento ai requisiti tecnici richiesti, che può essere un solo documento in casi di più interventi;
  • il documento di asseverazione può essere sostituito da una dichiarazione di conformità resa dal direttore dei lavori;
  • il documento di asseverazione deve essere sostituito con l'attestato di certificazione energetica dei produttori in caso di intervento di sostituzione di finestre, infissi, caldaie a condensazione con potenza nominale inferiore a 100 kW;
  • NOTA BENE: Si ricorda che il documento di asseverazione e l'attestato di certificazione energetica devono essere rilasciati da tecnici abilitati alla progettazione di edifici e impianti da fonti rinnovabili, che devo essere trasmessi all'Enea entro il termine di 90 giorni dalla fine dei lavori. Il termine dei 90 giorni parte dal giorno del collaudo del vostro impianto fotovoltaico o solare.
Autore Maria Francesca Massa

Articolo letto 2.595 volte



Visualizza l'elenco dei principali articoli