Be.e: lo scooter elettrico ecologico al 100%

Sarà prodotto dalla società olandese Van.Eko, il primo scooter elettrico realizzato con materiali alternativi: lino, canapa e fibre di cellulosa. Il nome scelto è be.e e rappresenta, senza dubbio, un'innovazione importante nell'ambito del settore motociclistico. Una testimonianza di come si possano costruire veicoli nel pieno rispetto dell'ambiente.

Be.e studiato dalla Waarmakers, in collaborazione con l'Inholland University of Applied Sciences e la Npsp Composites, sebbene preveda l'uso di prodotti naturali, offre ottime garanzie di resistenza agli impatti e una grande affidabilità per il guidatore.
In proposito, la Van.Eko assicura che "i pannelli esterni sono così duri e forti che avranno bisogno di parecchi maltrattamenti prima di essere danneggiati". Ed è talmente sicura di questo da garantire la monoscocca NFC quattro anni.

Be.e, il primo scooter fatto di canapa e lino

(Be.e, da come si vede nella foto, ha un design moderno e accativante. Fonte motorbiker)

Dunque, il lino, una delle sostanze ritenute più salutari per l'uomo, ricca di omega3, conosce una nuova applicazione nel settore della mobilità, contribuendo, insieme alla canapa e alle fibre di cellulosa, a creare un mezzo di trasporto amico della natura. Tali materiali, denominati nell'insieme NFC, Natural Fibre-reinforced Composites, hanno anche il vantaggio di immagazzinare temporaneamente anidride carbonica (CO2). Come le piante assorbono la CO2 dall'atmosfera, allo stesso modo gli NFC prendono l'anidride carbonica e poi, al termine del ciclo di vita, la restituiscono all'ambiente. Quindi, per ogni quantità di NFC prodotti, un certo tot di CO2 viene sottratta al clima. Un simile processo comporta una riduzione degli eccessi della sostanza nella nostra atmosfera.
Questi materiali, occorre sottolinearlo, sono in grado di sopravvivere dieci anni e al termine della loro vita possono essere riciclati e riutilizzati.

Be.e è, dunque, ecologico al 100% e, da quanto si evince dalle dichiarazioni rilasciate dalla casa produttrice, lo è anche in virtù del modo in cui si alimenta. Infatti, è dotato di un motore elettrico da 4 kW. La sua autonomia va dai 55 agli 80 km orari. Presenta un'illuminazione a LED e ha con sé un caricabatterie da 600 watt che gli consente di essere caricato ad una velocità di 20 km all'ora. Ciò vuol dire che per ogni ora di tempo di ricarica trascorso si avranno a disposizione 20 km di autosufficienza energetica, persino nelle peggiori condizioni climatiche.

Schema del funzionamento dello scooter elettrico Be.e

(Schema del funzionamento dello scooter elettrico Be.e. Fonte dezeen magazine)

Lo scooter, non a caso, è prodotto, testato e sviluppato ad Amsterdam, nei Paesi Bassi, luogo famoso per il clima umido e il freddo intenso. Un terreno di prova  ideale, quindi. Le dimensioni non eccessive e la leggerezza (a quanto pare, il peso si aggira intorno ai 95 kg) rendono Be.e particolarmente adatto agli spostamenti cittadini.

Secondo la Van.Eko, il veicolo elettrico ha elevati standard di affidabilità,  una procedura di montaggio meno complessa e richiede poca manutenzione. Garantito cinque anni o 50.000 km, qualora presentasse dei problemi, la società assicura di non preoccuparsi. Fino a quando l'eventuale guasto o difetto non sarà risolto, all'utente sarà fornito un temporaneo ricambio.

Per dare ai compratori maggiore tranquillità, la casa produttrice aggiunge anche allo scooter uno spray per riparare i pneumatici in caso di gomma a terra. A disposizione del cliente vi è, poi, il servizio on demand fornito dall'ANWB Scooter Service olandese che dovrebbe fornire la giusta assistenza. Per chi sottoscrive il piano dei 50.000 km è previsto, in automatico, un abbonamento all'ANWB Scooter Service.

A chi si sta domandando quanto costi acquistare questo piccolo gioiello di modernità ecologica, diciamo che per ora la Van.Eko prevede solo il noleggio dello stesso. Il prezzo va da un minimo di 140 Euro mensili a un massimo di 170 Euro ed è in relazione ai km percorsi.

Fonti
GreenMe
Van.Eko
Moto.it

AutoreDott.ssa Elisabetta Rossi

Articolo letto 1.651 volte



Visualizza l'elenco dei principali articoli