Aree marine protette, arriva Street View di Google

Un nuovo sodalizio tra il ministero dell'Ambiente, le aree marine protette e Google consentirà a tutti gli utenti un viaggio tra i più suggestivi tesori naturali del nostro Paese. La collaborazione nasce per assicurare una vera e propria passeggiata virtuale in modo da utilizzare gli strumenti tecnologici come mezzo principale per accedere alle bellezze italiane presenti nelle isole Egadi, nelle Eolie e a Lampedusa.

Siete pronti a fare questo viaggio? Basta un semplice click e ognuno potrà navigare virtualmente attraverso la modalità "Street View" di Google Maps. L'aspetto fotografico è stato curato dal colosso informatico di Google mediante una particolare apparecchiatura. Si tratta del Trekker che è uno zaino caratterizzato da ben 15 telecamere ad alta risoluzione e strumentazioni Gps. Questo innovativo "sacco" tecnologico viene indossato nel corso delle escursioni sui litorali e sulle scogliere in modo da offrire a tutti una visione panoramica a 360° dei luoghi e dei paesaggi naturali più belli come le aree marina protette d'Italia.

TREKKER ZAINO TELECAMERE ZONE REMOTE

(Oggi è possibile viaggiare tra le bellezze italiane grazie a Street View di Google Maps)

Il Trekker è stato già utilizzato nel Grand Canyon per poi attraversare alcune delle isole più belle dello Stivale: da Lampedusa a Lipari, da Salina a Filicudi. Poi ancora, da Panarea a Vulcano, da Stromboli a Favignana, Marettimo e Levanzo, per arrivare a Portofino. Lo zaino, munito di 15 occhi elettronici, è stato adoperato anche sulle imbarcazioni per migliorare la mappatura delle coste, delle cale, degli scorci più suggestivi. Queste fotografie racchiudono momenti unici, spettacolari e suggestivi come la magnifica eruzione di Stromboli che pochi mesi fa ha regalato immagini incredibili.

"Quando abbiamo avviato il progetto sperimentale di Street View, abbiamo sistemato diversi computer nel retro di un Suv, fissato macchine fotografiche, scanner laser e un dispositivo GPS sul tetto e percorso le strade per raccogliere le nostre prime immagini – rende noto Google Maps -  Abbiamo fatto molta strada dal nostro primo lancio negli Stati Uniti nel 2007; oggi abbiamo esteso le nostre viste panoramiche a 360° includendo luoghi in tutti i sette continenti". Con Street View, inoltre, sono gli enti turistici, le associazioni non profit e le organizzazioni che possono prendere in prestito il Trekker per contribuire a raccogliere viste di luoghi remoti ed unici dove il Suv, con scanner e macchine fotografiche, non può di certo arrivare.

"Il Trekker consente a Street View di mostrare un maggior numero di luoghi in tutto il mondo: luoghi dove nessun auto, trike, carrello o motoslitta può accedere – spiega il colosso informatico -  Questo zaino indossabile è dotato di una fotocamera nella parte superiore e la sua portabilità ci permette di raccogliere immagini in spazi ristretti o in luoghi accessibili solo a piedi. La nostra prima collezione con questa fotocamera è stata ripresa lungo le pareti rocciose e scoscese del Grand Canyon dell'Arizona".

I tour delle aree marine protette sono già accessibili a tutti. Come fare? Semplicemente digitando il nome della località su Google Maps e selezionando la funzione "Street View" oppure direttamente cliccando su questo link.

AutoreDott.ssa Tiziana Casciaro

Articolo letto 251 volte



Visualizza l'elenco dei principali articoli